Fondi Ue, Armao, occorre semplificare le procedure - QdS

Fondi Ue, Armao, occorre semplificare le procedure

redazione web

Fondi Ue, Armao, occorre semplificare le procedure

venerdì 06 Dicembre 2019 - 07:55
Fondi Ue, Armao, occorre semplificare le procedure

Il vicepresidente della Regione lo ha detto a Bruxelles parlando di "esigenza assoluta". Scongiurato il pericolo della restituzione di 112 milioni alla Commissione europea

Gli investimenti al Sud vanno “accompagnati da misure di semplificazione e snellimento delle procedure burocratiche. C’è un problema di eccessiva farraginosità e un’esigenza assoluta di semplificare le procedure di spesa”.

Lo ha dichiarato ieri sera a Bruxelles il vicepresidente della Regione Sicilia, Gaetano Armao, a margine della plenaria del Comitato europeo delle Regioni.

Armao ha anche ricordato che “dalla Commissione Ue è arrivata la conferma che è stato scongiurato il pericolo di perdere 112,5 milioni di euro, che avremmo dovuto riversare dal bilancio regionale” alle casse Ue per “un problema connesso a un progetto cosiddetto ‘non nativo'” sulla tratta ferroviaria Palermo-Punta Raisi.

La Commissione aveva chiesto di ritirare e ripresentare il progetto apportando delle modifiche tecniche ma, come atto dovuto, aveva avviato le procedure di recupero per oltre 112 milioni di euro.

La Regione ha rispedito il progetto modificato a inizio novembre e settimana scorsa Bruxelles ha ritirato l’ordine di recupero, che aveva come scadenza il 2 dicembre. Resta invece irrisolto il problema dell’interruzione dei rimborsi da parte dell’Ue per il Programma operativo del Fesr siciliano 2014-2020.

A quanto si apprende, Bruxelles non ha ancora ricevuto una risposta alle istanze sollevate nei mesi scorsi.

Allo stato attuale, non sembra però che questo possa compromettere il raggiungimento del target di spesa 2019, provocando quindi una perdita di risorse.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684