Frode fiscale da società mediche, blitz della Finanza a Catania - QdS

Frode fiscale da società mediche, blitz della Finanza a Catania

redazione web

Frode fiscale da società mediche, blitz della Finanza a Catania

mercoledì 14 Ottobre 2020 - 07:26
Frode fiscale da società mediche, blitz della Finanza a Catania

Le Fiamme gialle hanno scoperto un giro di false fatture assicurative con una inconsapevole compagnia tedesca che coinvolgono due aziende e un broker. Operazioni inesistenti per settecentocinquantamila euro. Le indagini coordinate dalla Procura etnea e condotte con la collaborazione della polizia tedesca

Un articolato sistema di frode fiscale, con profilo internazionale, con tre società coinvolte, è stato scoperto dalla Guardia di finanza del comando provinciale di Catania che ha scoperto fatture per operazioni inesistenti per settecentocinquantamila euro.

Nel corso dell’operazione sono state denunciate tre persone per reati tributari e sequestrati duecentomila euro, ossia l’imposta evasa.

Al centro delle indagini delle Fiamme gialle del Nucleo di polizia economico-finanziaria , coordinate dalla Procura di Catania, due società del settore medico, attive nella fornitura di dispositivi chirurgici e apparecchiature elettromedicali a enti ospedalieri pubblici e privati.

L’attenzione degli investigatori si è concentrata in particolare su tre contratti di assicurazione per copertura del rischio di insolvenza dei crediti sottoscritti con una compagnia d’assicurazione di diritto tedesco, avvalendosi dell’intermediazione di un broker.

Secondo l’accusa, quest’ultimo agiva dietro lo schermo di una “società fantasma” e operava come “cartiera”, emettendo false fatture per contratti di assicurazione in realtà mai esistiti.

E’ stata la polizia tedesca a confermare l’inesistenza di qualsivoglia relazione commerciale tra la società tedesca e quelle catanesi.

A seguito di questa ricostruzione La Guardia di finanza di Catania ha denunciato i legali rappresentanti delle due società mediche per dichiarazione fraudolenta mediante l’uso di fatture per operazioni inesistenti e il broker per emissione di fatture per operazioni inesistenti, finalizzate a consentire alle due società di evadere le imposte.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684