Frontiere extra Ue riaperte per quindici Paesi - QdS

Frontiere extra Ue riaperte per quindici Paesi

Dario Raffaele

Frontiere extra Ue riaperte per quindici Paesi

martedì 30 Giugno 2020 - 17:39
Frontiere extra Ue riaperte per quindici Paesi

Ma l'Italia valuta la quarantena obbligatoria. Fuori dall'elenco gli Stati Uniti, il Brasile, la Russia e gran parte dei Paesi dell'America latina. Deciso a Bruxelles dopo il voto dei paesi membri alle raccomandazioni e alla lista

Dopo un fine settimana di incontri e riunioni, il Consiglio europeo ha adottato una raccomandazione sulla soppressione graduale delle restrizioni temporanee ai viaggi non essenziali nell’Ue.

L’elenco comprende 15 paesi: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Thailandia, Tunisia, Uruguay e la Cina, soggetta alla conferma della reciprocità. La lista verrà aggiornata ogni due settimane. I residenti di Andorra, Monaco, San Marino e Vaticano dovrebbero essere considerati residenti nell’Ue ai fini della presente raccomandazione, si legge nella nota.

Restano fuori gli Usa, il Brasile, la Russia, gran parte dei Paesi dell’America latina (tra cui Perù, Messico, Cile, Colombia). La lista sarà aggiornata ogni 14 giorni per decidere se ampliarla o introdurre nuove restrizioni.

La raccomandazione del Consiglio non è uno strumento giuridicamente vincolante. Le autorità degli Stati membri restano responsabili dell’attuazione del contenuto della raccomandazione. Possono, in piena trasparenza, eliminare solo progressivamente le restrizioni di viaggio verso i paesi elencati, precisa la nota.

A tal proposito l’Italia sembra voler mantenere una posizione di maggiore cautela chiedendo la quarantena obbligatoria ai cittadini provenienti da fuori Ue. Già nei giorni scorsi il ministro Speranza aveva avanzato questa ipotesi durante un’intervista in radio. Una decisione in merito è attesa entro la mezzanotte di oggi.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684