G20, Catania diventa capitale internazionale del Lavoro - QdS

G20, Catania diventa capitale internazionale del Lavoro

redazione web

G20, Catania diventa capitale internazionale del Lavoro

mercoledì 23 Giugno 2021 - 07:04

Nella seconda giornata il ministro Orlando presiederà la riunione sugli sbocchi della formazione. Digitalizzazione e transizione ecologica impongono a Istruzione e Impresa di dialogare

“Iniziamo questi lavori nel bellissimo Monastero dei Benedettini di San Nicolò La Rena, un edificio del 1558 oggi Patrimonio Mondiale dell’@unesco”.

Così ha scritto su Instagram il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, che, come ieri Patrizio Bianchi, presiederà oggi i lavori del G20, dedicati, dopo la Scuola, al Lavoro.

“Lavorare e formarsi – ha spiegato Orlando – non saranno due sezioni separate dell’esistenza di una persona, ma dovranno essere due elementi che si intrecciano sempre più spesso”.

“Il lavoro – ha aggiunto – si promuoverà e si difenderà dando anche ai lavoratori la possibilità di formarsi e di modificare le loro competenze durante la loro attività professionale. Non è un tema che riguarda soltanto il nostro Paese. L’impatto delle nuove tecnologie, i cambiamenti che si sono determinati con la digitalizzazione, la necessità di affrontare la transizione ecologica impongono questo salto di qualità, questo dialogo, questa convergenza stabile tra questi due mondi”.

Il Ministro ha ricordato anche come l’apprendistato in Italia sia stato per la prima volta regolamentato nel 1955 “e continua a essere uno dei migliori strumenti per garantire ai giovani un ingresso nel mercato del lavoro sostenibile e duraturo”.

“I percorsi di apprendimento duale – ha sottolineato – richiedono un continuo adattamento alle esigenze del mercato del lavoro. E in questo contesto il coinvolgimento delle Parti Sociali è necessario e importante per migliorare il disegno e l’implementazione dei nostri interventi di policy. Infine, per rendere le nostre società inclusive e per evitare che nessuno venga lasciato indietro, è necessario affiancare alle politiche educative e a quelle del lavoro un robusto sistema di interventi sociali, capaci di mettere in grado i giovani più vulnerabili di sviluppare le loro competenze e le loro aspirazioni”.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684