Gela, Dia confisca beni per 4 milioni a commercialista - QdS

Gela, Dia confisca beni per 4 milioni a commercialista

web-dr

Gela, Dia confisca beni per 4 milioni a commercialista

web-dr |
martedì 23 Marzo 2021 - 11:52

Sigilli sono stati posti a una lussuosa struttura agro-venatoria di Piazza Armerina, nell'Ennese, costituita da una riserva di caccia di 30 ettari, da un salone ristorante e da sette residence.

Beni per 4 milioni di euro sono stati confiscati dalla Dia di Caltanissetta a Salvatore Cascino, commercialista e consulente fiscale di 49 anni di Gela.

Sigilli sono stati posti a una lussuosa struttura agro-venatoria di Piazza Armerina, nell’Ennese, costituita da una riserva di caccia di 30 ettari, da un salone ristorante e da sette residence costituiti da caseggiati prestigiosamente ristrutturati risalenti all’800.

Confiscati anche 74 beni immobili (fabbricati e terreni), quote societarie in due società di Gela, autoveicoli e rapporti bancari. Il fiscalista nel settembre del 2010 è stato destinatario di provvedimento cautelare, emesso dal gip di Brescia, per associazione per delinquere, falsità materiale e truffa ai danni dello Stato mediante indebite compensazioni tributarie, reati per i quali è stato condannato a due anni due e un mese.

Ulteriori procedimenti penali per fatti di tipo economico-fiscale, nonché l’assidua frequentazione di persone con precedenti della stessa natura, lo hanno portato a essere ritenuto ‘soggetto socialmente pericoloso’. Gli accertamenti delegati alla Dia, sfociati nella confisca, rappresentano lo sviluppo di attività investigative, risalenti al 2009, che avevano consentito di accertare nei confronti di Cascino la sproporzione tra il suo elevato tenore di vita e gli esigui redditi fiscalmente dichiarati, nonché di ritenere che gli ingenti compensi ottenuti, frutto delle attività illecite, siano stati reinvestiti in attività imprenditoriali nel settore turistico-alberghiero.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684