Gela, Greco chiede tregua per affrontare l’emergenza - QdS

Gela, Greco chiede tregua per affrontare l’emergenza

redazione

Gela, Greco chiede tregua per affrontare l’emergenza

giovedì 26 Marzo 2020 - 00:00
Gela, Greco chiede tregua per affrontare l’emergenza

Da sindaco e Giunta un appello ai consiglieri di opposizione: congeliamo le polemiche. Anche nel nisseno si temono le conseguenze per lo stop alle attività produttive

GELA (CL) – Congelare le polemiche, almeno per qualche settimana e fino alla fine dell’emergenza, per venire affrontare al meglio la battaglia contro il Coronavirus. Anche perché, una volta usciti da questa crisi, bisognerà affrontare quella economica, che inevitabilmente si abbatterà su tutta la provincia e sul territorio gelese.

La posizione dell’Amministrazione comunale guidata da Lucio Greco è chiara: in questo momento non servono polemiche, ma una compattezza istituzionale che possa supportare i cittadini in giorni difficili.

“Il sindaco, l’Amministrazione comunale e molti consiglieri comunali – si legge in una nota diffusa nei giorni scorsi dall’Esecutivo – con la collaborazione della Protezione civile, delle associazioni di volontariato e della Croce rossa, stanno facendo il massimo. Ma in questo momento di estrema difficoltà alcuni rappresentanti del Civico consesso continuano invece a innescare polemiche, pur in un periodo così difficile, critico e drammatico e i cittadini non li capiscono”.

“I gelesi – hanno aggiunto dall’Amministrazione – sono uniti in questa lotta contro il Virus e si riconoscono nelle difficili scelte di tutta la Giunta comunale. Il sindaco Greco, che si trova ad affrontare una situazione emergenziale inedita dal dopoguerra, sta trasmettendo senso del dovere e spirito di appartenenza all’istituzione che si onora di rappresentare”.

“L’Amministrazione comunale – hanno concluso dalla Giunta – ringrazia quanti stanno aiutando a far fronte alle emergenze: dai medici al personale socio-sanitario, dalle forze dell’ordine ai commercianti che garantiscono beni di prima necessità e sono esposti al rischio di contagio, da tutti quei lavoratori che non possono restare a casa ai volontari, ai cittadini che con grande sacrificio e impegno continuano a rimanere a casa”.

“Insieme ce la faremo” è il messaggio lanciato dal Comune. Una mano tesa verso le opposizioni per tentare di uscire insieme fuori dall’emergenza. Ci si chiede se questa tregua verrà rispettata.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684