Gela, la Finanza sequestra bombole per seicentomila euro - QdS

Gela, la Finanza sequestra bombole per seicentomila euro

redazione web

Gela, la Finanza sequestra bombole per seicentomila euro

mercoledì 27 Maggio 2020 - 12:48
Gela, la Finanza sequestra bombole per seicentomila euro

Erano custodite nei luoghi di lavoro senza rispettare gli obblighi di sicurezza. Si tratta in tutto di 15.895 contenitori carichi di gas propano liquido. Una sola revisione in quarant'anni. Denunciati i due rappresentanti dell'azienda che le commercializzava



Militari del Gruppo della Guardia di Finanza di Gela, coordinati dalla locale Procura, hanno sequestrato 15.895 bombole per Gpl, da sette a 25 chili di capacità, sia piene che vuote, per complessivi trentamila chili di gas propano liquido.

Le bombole, se immesse sul mercato, avrebbero fruttato ricavi per seicentomila euro.

Il rappresentante legale e un socio dell’azienda sono stati denunciati per concorso in frode nell’esercizio del commercio, divieto di fabbricazione, detenzione, trasporto e vendita di prodotti esplodenti, condotte integrate nella commercializzazione all’ingrosso, in diverse province della Sicilia orientale (Caltanissetta, Ragusa, Enna e Messina) e in Calabria e Lazio, di bombole di gas gpl e altro gas esplodente irregolari.

Secondo la Finanza, le bombole erano custodite nei luoghi di lavoro senza rispettare gli obblighi di sicurezza, sprovviste, in molti casi, delle previste periodiche revisioni e con i sigilli di garanzia con le relative ‘punzonature’, che riportano oltre le caratteristiche di sicurezza anche le date delle revisioni decennali previste, spezzate o asportate.

In alcuni casi, in quarant’anni è risultata effettuata una sola revisione.

Riscontrate anche significative difformità anche in merito al contenuto quantitativo del prodotto venduto con le bombole verificate con la ‘pesatura’ dei contenitori.

Per questo i due rappresentanti dell’azienda sono stati denunciati anche sottrazione all’accertamento o al pagamento dell’accisa sugli oli minerali, superando le soglie consentite nelle operazioni di riempimento e travaso dei combustibili.

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684