Governo, Mariastella Gelmini a Salvini, "Ora basta con le liti" - QdS

Governo, Mariastella Gelmini a Salvini, “Ora basta con le liti”

redazione web

Governo, Mariastella Gelmini a Salvini, “Ora basta con le liti”

domenica 29 Agosto 2021 - 08:36

In un'intervista a Repubblica la Ministro per gli Affari regionali difende Luciana Lamorgese: "Ingiusto attaccarla, basta interessi di bottega. Mario Draghi è la nostra polizza assicurativa"

“Non è la stagione delle bandierine e degli interessi di bottega”.

Lo dice la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelmini, in un’intervista a Repubblica, ricordando che “la campagna elettorale per le amministrative, il semestre bianco, la corsa per il Quirinale non devono causare eccessive fibrillazione”.

“Una certa dose di tensione – aggiunge – in una maggioranza così eterogenea è inevitabile. L’importante è non esagerare, anche perché viviamo un momento di nuovo protagonismo internazionale dell’Italia, grazie a Draghi che sta cercando di mettere in piedi un G20 straordinario con l’apporto fondamentale di Paesi come Russia e Cina per superare la crisi afghana”.

Però da questa crisi, “pandemica ed economica, non siamo ancora usciti. Non si può compromettere il lavoro fatto”.

E invita ogni partito a mostrare adesso “senso di responsabilità”.

Sugli attacchi del leder della Lega Salvini alla ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, la Gelmini è netta.

“Sull’immigrazione Salvini pone un problema reale – afferma – , dopo il Covid c’è il rischio di una ripresa indiscriminata degli sbarchi. Ma il bersaglio è sbagliato: Lamorgese da sola non può fermare il fenomeno, è ingiusto prendersela con lei”.

Sui profughi afgani “l’Italia sta già facendo la sua parte. Ma, ripeto, ci aspettiamo una risposta unitaria dall’Europa”.

E ricorda che “al di là dell’emergenza Afghanistan, abbiamo un cronoprogramma per la spesa del Pnrr da realizzare, 53 riforme da fare. Non ci sono time-out, in questa partita”.

“Draghi – conclude – è la nostra polizza assicurativa in Italia e in Europa, quindi l’invito rivolto a tutte le forze politiche di maggioranza è quello di gestire questa fase ‘cum grano salis'”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684