Regione, i dipendenti chiedono aumenti senza produttività - QdS

Regione, i dipendenti chiedono aumenti senza produttività

Raffaella Pessina

Regione, i dipendenti chiedono aumenti senza produttività

martedì 12 Novembre 2019 - 00:00
Regione, i dipendenti chiedono aumenti senza produttività

Eppure le buste paga di Palazzo d’Orléans sono già tra le più pesanti d’Italia. Quattro giorni di sciopero generale della Cisal per metà dicembre anche per ottenere il riconoscimento di mansioni superiori

PALERMO – Il sindacato dei dipendenti regionali, Siad Cisal, ha indetto quattro giorni di sciopero generale ed una manifestazione generale di protesta che si svolgerà a Palermo il 18 dicembre. Il sindacato, che è uno dei più rapppresentativi della categoria, ha dichiarato in una nota a firma di Angelo Lo Curto e Giuseppe Badagliacca che di fronte al silenzio assordante del Governo regionale” non c’è altra strada che lo sciopero di tutti i dipendenti della Regione”.

I quattro giorni non saranno consecutivi: si terranno, infatti, il 22 e il 29 novembre, il 6 e il 13 dicembre con l’astensione dal lavoro per l’intera giornata. Il 18 dicembre, invece, si terrà una manifestazione che alle 10 vedrà i lavoratori ritrovarsi di fronte Palazzo d’Orleans a piazza Indipendenza, a Palermo.

Alle iniziative aderisce anche la federazione dei funzionari regionali del Csa-Cisal. “Le richieste dei lavoratori sono sempre le stesse – hanno detto Lo Curto e Badagliacca – Il riconoscimento delle mansioni superiori, l’applicazione integrale del contratto e la riqualificazione del personale anche mediante l’utilizzo degli 8 milioni di euro rimasti nel Fondo per la contrattazione 2019. Già lo scorso 4 novembre il Siad-Cisal ha avviato le procedure di raffreddamento, contrariamente agli altri sindacati, ma niente è cambiato: adesso non possiamo fare altro che ricorrere allo sciopero. Ci auguriamo che adesso anche le altre sigle sindacali si uniscano alla protesta”.

Per la cronaca, il contratto collettivo per il personale non dirigenziale della Regione siciliana rinnovato lo scorso mese di maggio, ha previsto l’aumento delle retribuzioni a regime dal primo gennaio 2018: si parla del +3,48% in linea con i rinnovi contrattuali di tutto il pubblico impiego (Stato– Enti Locali – Sanità). L’aumento tabellare medio è di 73,12 euro lordi.

Ferme restando le richieste per una corretta applicazione del contratto ricordiamo che secondo la Ragioneria generale dello Stato nell’anno 2017 i dipendenti regionali hanno guadagnato in media 30.988 euro l’anno contro i 27.288 dei dipendenti delle Regioni a statuto ordinario e i 30.140 dei ministeriali.

Di produttività del personale della Regione si parla sempre troppo poco ma la consapevolezza è che mancano qualità dei servizi, competenza e produttività. Una fotografia già scattata in più occasioni anche dalla Corte dei Conti: l’età media avanzata, l’assenza del turn over, la carenza di profili professionali adeguati, le assunzioni avvenute senza criteri meritocratici, per non parlare degli squilibri abnormi nella distribuzione del personale negli uffici (tant’è che nel nuovo contratto sono stati inseriti incentivi alla mobilità proprio per sopperire alle carenze).

Tutte problematiche a cui l’assessore al ramo, Bernardette Grasso, ha cercato di ovviare attraverso la mappatura del personale, un primo passo verso il corretto impiego quali-quantitativo del personale. Ma i tempi per un’amministrazione totalmente efficiente si prospettano molto lunghi. Intanto, per l’assessore Grasso si prospetta una bella gatta da pelare.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684