Immigrazione clandestina, sequestro da 1,5 milioni a Trapani - QdS

Immigrazione clandestina, sequestro da 1,5 milioni a Trapani

redazione

Immigrazione clandestina, sequestro da 1,5 milioni a Trapani

giovedì 25 Giugno 2020 - 13:29

Beni per un valore di oltre 1,5 milioni di euro sono stati sequestrati dal Tribunale di Trapani – Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Procura di Palermo, nei confronti del tunisino 40enne, Fadhel Moncer. Il provvedimento è stato eseguito dai finanzieri del Comando Provinciale di Palermo, con il supporto dei colleghi del Comando Provinciale di Trapani. Moncer è stato ritenuto a capo di un gruppo criminale dedito al favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e al contrabbando di tabacchi, costituito da cittadini tunisini e italiani operanti tra il Nord Africa e le province di Trapani, Agrigento e Palermo.

L’organizzazione a delinquere capeggiata da Moncer ha dimostrato di disporre di una solida e radicata struttura organizzativa e di adeguate risorse umane e materiali, potendo contare su numerosi mezzi nautici in grado di effettuare, stabilmente, traversate sulla rotta marittima dalla Tunisia alla Sicilia finalizzate all’ingresso illegale nel territorio italiano di migranti e consistenti quantitativi di tabacchi esteri di contrabbando.

Per ogni “viaggio”, i migranti arrivavano a pagare anche 3.000 euro. Inoltre, in passato, nel 2012, lo stesso Moncer era stato arrestato per aver detenuto armi ed esplosivi, destinati ad essere utilizzati sul territorio nazionale. I sigilli sono scattati ad un immobile, due aziende e terreni a Marsala e Mazara del Vallo, nonché ad un’auto e di disponibilità finanziarie per un valore complessivo pari a circa 1,5 milioni di euro.

Una delle due imprese sottoposte a sequestro opera nel settore agro-alimentare, mediante la coltivazione in serra di prodotti stagionali, su terreni estesi per circa 2 ettari. La seconda impresa ha esercitato l’attività di ristorazione in una zona centrale di Mazara del Vallo.

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684