In Sicilia 35.000 vaccinati ma Orlando (Anci) frena: "Non sia un liberi tutti" - QdS

In Sicilia 35.000 vaccinati ma Orlando (Anci) frena: “Non sia un liberi tutti”

web-dr

In Sicilia 35.000 vaccinati ma Orlando (Anci) frena: “Non sia un liberi tutti”

web-dr |
giovedì 07 Gennaio 2021 - 10:53
In Sicilia 35.000 vaccinati ma Orlando (Anci) frena: “Non sia un liberi tutti”

"Ho il timore che il giusto ottimismo per l'avvio della campagna vaccinale, che avrà comunque tempi lunghi per la sua vastità e complessità, venga percepito da alcuni come un ingiustificato liberi tutti"

Sono 6.203 le persone che ieri in Sicilia hanno ricevuto il vaccino anti-covid. Dall’avvio della campagna vaccinale nell’isola sono già state somministrate, complessivamente, oltre 35mila dosi di farmaco su altrettanti cittadini rientranti nel target attuale previsto dal piano nazionale.

La giornata di ieri intanto è stata dedicata a rifornire i centri di vaccinazione dell’Asp di Palermo delle nuove dosi. Sono 4.680 quelle che fanno parte della seconda fornitura. Sempre ieri sono state 305 le vaccinazioni effettuate, tutte a Villa delle Ginestre. Complessivamente l’Asp di Palermo ha effettuato finora 6.948 vaccinazioni.

Ma sulla campagna vaccinale il presidente di Anci Sicilia, Leoluca Orlando, mette in guardia i siciliani: “Di fronte a un ennesimo impetuoso aumento dei contagi e delle vittime in Sicilia e in Italia, faccio appello al Governo nazionale e al Governo regionale perché si adottino misure significative per contrastare il nuovo diffondersi del virus.

Ho il timore che il giusto ottimismo per l’avvio della campagna vaccinale, che avrà comunque tempi lunghi per la sua vastità e complessità, venga percepito da alcuni come un ingiustificato ‘liberi tutti’. Siamo in presenza di numeri ancora una volta preoccupanti; temo ci attendano ancora lunghi mesi di sofferenze e lutti, di sovraccarico del nostro sistema sanitario. Per questo chiedo che sia valutata ogni iniziativa che ancora una volta scoraggi comportamenti pericolosi o irresponsabili, che ponga la priorità per la tutela della salute e della vita”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684