Incendi, Lamorgese a Palermo, "Non ci risulta un'unica regia" - QdS

Incendi, Lamorgese a Palermo, “Non ci risulta un’unica regia”

redazione web

Incendi, Lamorgese a Palermo, “Non ci risulta un’unica regia”

lunedì 16 Agosto 2021 - 06:12

La ministro dell'Interno lo ha detto al termine del Comitato nazionale per l'ordine e la sicurezza. Musumeci e Curcio ringraziano i volontari giunti in Sicilia. Paura in un agriturismo di Niscemi

“Non ci sono evidenze di una regia occulta che lega i roghi scoppiati in varie regioni d’Italia”.
Lo ha detto ieri la ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, rispondendo alle domande dei giornalisti, a Palermo, al termine del comitato nazionale per l’ordine e la sicurezza.
“Certamente – ha aggiunto – occorre una cultura volta a preservare l’ambiente e il territorio”.
Gli interventi della flotta aereo dello Stato
E quella di Ferragosto è stata ancora una giornata “estremamente impegnativa” per gli equipaggi dei Canadair e degli elicotteri della flotta aerea dello Stato, coordinati dal Dipartimento della Protezione Civile, impegnati nelle operazioni di spegnimento dei numerosi incendi boschivi: 44 le richieste di concorso aereo ricevute dal Centro operativo aereo unificato del Dipartimento, di cui 10 dal Lazio, 9 dalla Calabria, 7 dalla Sicilia, 6 dalla Campania, 4 dal Molise, 3 dalla Basilicata, 2 dall’Abruzzo, una ciascuna da Toscana, Umbria e Liguria.
Funziona il meccanismo nazionale
Funziona, insomma, il meccanismo nazionale sull’emergenza incendi, come ha sottolineato ieri anche il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci che ha accolto nel Palazzo d’ Orlèans il capo della protezione civile nazionale Fabrizio Curcio.
Musumeci e Curcio ringraziano volontari
Insieme hanno incontrato e ringraziato una quarantina di operatori, in rappresentanza delle sette colonne mobili provenienti da fuori regione e delle organizzazioni di volontariato siciliane più rappresentative nell’attività di spegnimento incendi.
Era presente anche il direttore generale del dipartimento della protezione civile regionale, Salvatore Cocina.
“Ho voluto ringraziare le squadre accorse da diverse parti d’Italia per sostenere il nostro personale nella lotta all’infernale fronte degli incendi – ha detto Musumeci – ma un sincero ringraziamento va anche alle risorse umane regionali della forestale, della protezione civile, agli amministrativi e ai funzionari, ai sindaci. A tutti coloro che sono riusciti a fare rete affinché i danni di una calamità, che non si conosceva in queste dimensioni, potessero essere contenuti. Facciamo esperienza per il futuro. Stanno cambiando il clima e i comportamenti dell’uomo. Perciò dobbiamo sederci attorno a un tavolo, Regione e Stato, e capire cosa serve”.
“Noi – ha concluso il governatore – faremo la nostra parte in termini finanziari e di organizzazione interna. Ma serve l’intervento di Roma”.
Riflessione sulla difesa del bosco
“Grazie a chi è venuto da fuori – ha aggiunto Curcio – così come ai siciliani che sono andati in altre parti d’Italia in differenti occasioni di bisogno. Alla luce delle emergenze in corso è necessario approfondire una riflessione sulla formazione del volontariato, su come affrontare la difesa del bosco, ma anche accrescere le occasioni di gemellaggio e favorire la contaminazione di diverse esperienze. Sono fiducioso e faremo quanto necessario perché tutto questo avvenga”.
Incendio minaccia agriturismo a Niscemi
E proprio ieri un incendio ha bruciato cinquanta ettari di terreno con frutteto, macchia mediterranea e parte di un boschetto a Niscemi, nel Nisseno, minacciando un agriturismo sulla Strada Provinciale 227.
Nella struttura erano presenti diverse persone che stavano festeggiando il Ferragosto.
Grazie ai vigili del fuoco, intervenuti con squadre da Caltanissetta, Gela e un elicottero Falco 08, il fronte di fuoco è stato fermato.
L’agriturismo, che in un primo tempo doveva essere evacuato, è stato risparmiato dalle fiamme.
Le operazioni di spegnimento sono state complicate dal vento e delle alte temperature.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684