Incidente alla Zona industriale di Catania, l’Ugl: “Ponte in stato penoso, si va indietro” - QdS

Incidente alla Zona industriale di Catania, l’Ugl: “Ponte in stato penoso, si va indietro”

redazione

Incidente alla Zona industriale di Catania, l’Ugl: “Ponte in stato penoso, si va indietro”

giovedì 15 Ottobre 2020 - 00:00
Incidente alla Zona industriale di Catania, l’Ugl: “Ponte in stato penoso, si va indietro”

L’ira del sindacato dopo l’ennesimo sinistro avvenuto all’altezza del cavalcavia dell’VIII strada

CATANIA – Ennesimo incidente lo scorso martedì alla Zona industriale in corrispondenza del cavalcavia dell’VIII strada. A denunciarlo è la Ugl con i segretari delle federazioni provinciali Metalmeccanici e Chimici, Angelo Mazzeo e Carmelo Giuffrida, ritornando ancora una volta sulle condizioni precarie ed altamente pericolose della via in questione.

“Da tempo continuiamo a ricevere segnalazioni in relazione allo stato in cui versa il ponte, ed in ultimo ieri abbiamo ricevuto diverse chiamate quando si è verificato il sinistro che ha comportato nello stesso tempo l’intervento di una volante dei Carabinieri e dell’ambulanza del 118. Ci hanno chiamato diversi impiegati che, in quel frangente, dovevano recarsi in azienda per iniziare il turno di lavoro e si sono visti la strada sbarrata, ma anche vari lavoratori che ogni giorno transitano nella Zona e lamentano la pericolosità principalmente di questo tratto”, raccontano Mazzeo e Giuffrida.

“Sono già diversi anni – continuano – che, come sindacato, in nome e per conto di chi in quell’area lavora, segnaliamo a chi di competenza lo stato penoso del ponte senza poter notare alcun riscontro oggettivo. Anzi, possiamo dire con certezza, che in due anni si è andati soltanto indietro se prendiamo come esempio il guardrail, considerato che il vecchio incidentato e ormai malandato è stato maldestramente riparato con mezzi di fortuna (listelli in legno e sostegni in ferro). Una ‘protezione’ che, anche se spazzata via dal primo vento forte (per fortuna all’esterno della carreggiata) è stata sempre più o meno ripristinata, scandalosamente non è mai stata sostituita.

“Non servono quindi delle soluzioni accomodate, o un passaggio di asfalto nuovo per parlare di manutenzione e sicurezza di questa porzione di Zona industriale continuo teatro di incidenti. Ci vogliono interventi concreti e radicali – insistono i due rappresentanti della Ugl – e, per questo, ci rivolgeremo ancora una volta al Comune di Catania perché bisogna rendere immediatamente più sicuro questo cavalcavia e non metterci mano soltanto dopo che ci scappa il morto.”

Tag:

Potrebbe interessarti anche:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684