Incidente dopo video su Fb, morto anche l'altro figlioletto - QdS

Incidente dopo video su Fb, morto anche l’altro figlioletto

redazione

Incidente dopo video su Fb, morto anche l’altro figlioletto

giovedì 25 Luglio 2019 - 09:31

Ieri era stato scoperto che il padre, un fruttivendolo di 34 anni di Partinico, quando la sua Bmw si era schiantata in autostrada era sotto l'effetto della cocaina

Nemmeno piccolo Antonino, nove anni, ce l’ha fatta ed è morto a Palermo, dove era ricoverato dal 12 luglio, dopo l’incidente in cui era morto il fratellino Francesco, di 13 anni, anche lui a bordo dell’auto guidata dal padre, Fabio Provenzano, di 34 anni, che pochi istanti prima dello schianto aveva postato un video su Fb.

Provenzano, un fruttivendolo di Partinico, è tuttora ricoverato in coma a Palermo e ieri le analisi del sangue hanno rivelato che al momento dell’incidente era sotto l’effetto della cocaina.

Dunque si era drogato e sulla Palermo-Mazara del Vallo si era lanciato in una corsa folle con la sua Bmw 320, riprendendosi col telefonino e poi finendo fuori dalla carreggiata.

Mentre Francesco è morto sul colpo, Antonino, era stato ricoverato in gravissime condizioni in ospedale, ma le sue condizioni erano apparse subito disperate.

Dopo l’incidente, gli agenti della Polstrada hanno trovato un grammo di cocaina nella tasca dei pantaloni indossati dall’uomo.

Fabio Provenzano viene tenuto in coma farmacologico nell’ospedale Villa Sofia.

L’esame tossicologico ha aggravato la posizione dell’uomo indagato per omicidio stradale con l’aggravante “del fatto commesso sotto l’effetto di sostanze stupefacenti”.

In queste settimane le polemiche sono state alimentate dal video, poi rimosso, dove si vede l’uomo che si riprende mentre percorre l’autostrada. Un video, acquisito dalla Procura, che riprende gli ultimi momenti della folle corsa.
Nel filmato come sottofondo si sente il rombo del motore. In primo piano al buio c’e’ la faccia del guidatore della vettura che si riprende, poi lo schermo diventa nero.

L’auto è stata ritrovata completamente accartocciata dopo un impatto violentassimo. Ancora non è chiaro cosa sia successo quella notte.

La polizia stradale con i periti sta cercando di ricostruirlo.

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684