Incidenti lavoro, orrore per la morte dell'operaio siciliano - QdS

Incidenti lavoro, orrore per la morte dell’operaio siciliano

redazione web

Incidenti lavoro, orrore per la morte dell’operaio siciliano

domenica 19 Settembre 2021 - 07:01

L'incidente scoperto solo a fine turno. I sindacati, insufficiente prevenzione. Chi era il palermitano Giuseppe Siino, 48 anni, sposato e con una figlia tredicenne, macinato dalle macchine in Toscana

Era nato a Palermo, Giuseppe Siino, 48 anni fa.

Era stato costretto a emigrare per trovare lavoro. Viveva a Prato, in Toscana.
Era una persona normale. Amava giocare al calcio e stare con la figlia di tredici anni.

Da vent’anni lavorava nell’azienda

E da vent’anni lavorava in una ditta con 130 dipendenti, la Alma spa, azienda che produce moquette a Campi Bisenzio.
Venerdì scorso, nel turno serale, gli altri operai del reparto di agugliatura non riuscivano a capire dove fosse finito: lavorava a un macchinario da due rulli, Siino, ma sembrava sparito.

La tragica scoperta a fine turno

Poi, a fine turno, proprio tra i rulli l’hanno trovato, i compagni di lavoro.
Maciullato.

Il responsabile del reparto di rifinizione dell’azienda, Saverio Giorgetti, ha spiegato che “la macchina in cui è avvenuto l’incidente è lunga cinque metri e larga due e che al momento dell’incidente vi lavoravano due persone: l’operaio che è caduto nei rulli e il caporeparto”.

Nessuno si sarebbe accorto dell’incidente fino a che il macchinario non si è fermato.
Poi l’inutile tentativo di rianimare Giuseppe Siino.

Autopsia e macchinario sequestrato

La Procura di Firenze conferirà lunedì prossimo l’incarico per l’autopsia sul corpo di Siino.

Intanto il macchinario è stato sequestrato su disposizione del pm Ornella Galeotti, titolare delle indagini che si è recata sul luogo dell’incidente insieme a Carabinieri e ispettori della Asl.

L’azienda e i sindacati

“Giuseppe Siino, figlio di Sicilia, palermitano, è morto di lavoro in Toscana: in Italia è in corso una strage che impone non lacrime di coccodrillo o la solita, cinica, ipocrisia del giorno dopo”. hanno detto a Mazara del Vallo il segretario della Uil Pierpaolo Bombardieri e quello di Uil Sicilia Claudio Barone.
“Dalla Sicilia – hanno dichiarato in una nota congiunta -, la terra di cui era originaria la vittima, ribadiamo l’urgenza della nostra campagna #Zero morti sul lavoro e confermiamo che per la Uil questa è la lotta della vita”.

“In questo momento di profondo dolore la proprietà e l’azienda sono vicine alla moglie e alla figlia, alle quali non faranno mancare ogni sostegno necessario anche in futuro” ha affermato il legale della Alma, Olivia Nati, che ha sottolineato come l’azienda “rimane a disposizione degli organi inquirenti per tutti gli approfondimenti necessari a ricostruire la dinamica della disgrazia, consapevole che, da sempre, la società ha rivolto la massima attenzione ed ogni opportuno investimento per la tutela e la sicurezza dei propri lavoratori”.

Insufficiente prevenzione

Ma, come detto, i sindacati sono di diverso parere e anche per la Cgil, è palese che nell’azienda la prevenzione fosse insufficiente.

“Va posto rimedio – ha scritto Elena Aiazzi della segreteria Cgil Firenze – alle evidenti insufficienze dei sistemi di prevenzione e controllo. Le istituzioni e il Governo intervengano su questa emergenza. Assistiamo sconvolti all’ennesimo infortunio mortale sul lavoro. Da mesi, anni sentiamo promesse di intervenire sulle mancanze e i limiti delle norme ma anche di porre rimedio alle evidenti insufficienze dei sistemi di prevenzione e controllo”.

“Non ci si può giustificare – ha aggiunto – con coloro che hanno perso il loro caro dicendo che ci sono delle lentezze burocratiche. Si tratterebbe tra l’altro di un’azienda non sindacalizzata: non abbiamo certo la pretesa di risolvere tutti i problemi del mondo ma il Covid dimostra che la nostra presenza nelle aziende ha aiutato la difficile gestione della emergenza sanitaria”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684