Industrie del lusso in crisi, stimate perdite fino al 35 - QdS

Industrie del lusso in crisi, stimate perdite fino al 35

redazione

Industrie del lusso in crisi, stimate perdite fino al 35

giovedì 09 Luglio 2020 - 00:00

ROMA – Le industrie dell’eccellenza e del lusso sono tra le più colpite dalla crisi del Covid-19. In un momento di estrema incertezza economica, con la metà della popolazione mondiale che è stata, o che ancora si trova, in lockdown, con i rivenditori di tutto il mondo che hanno chiuso i negozi fisici, le industrie dell’eccellenza e del lusso subiranno un calo, anno su anno, del 20-35%. Per le vendite in Europa dei beni di lusso personale si prevedono perdite pari al 50% a seguito della mancanza di turisti internazionali. Una discontinuità straordinaria e con effetti rilevanti se si pensa che il settore dei Personal luxury Goods è costantemente cresciuto in media del 5-6% per 30 anni consecutivi. A lanciare l’allarme è la fondazione Altagamma.

L’acquisto di merci e servizi di alta qualità per i turisti e le attività culturali, come le entrate a musei, gallerie d’arte e teatri, continueranno ad essere colpiti fino alla seconda metà del prossimo anno per le restrizioni sui viaggi e a causa di un persistente timore di possibili contagi su aerei e navi da crociera. Il ritorno ai livelli del 2019 (in termini assoluti) è previsto per il 2022 o 2023. L’efficienza e la portata della risposta dell’Unione Europea e degli Stati membri alla crisi, secondo Altagamma, incideranno sulla velocità con cui le aziende sapranno rispondere alla crisi. Le tendenze della “nuova normalità” sono: accelerazione degli acquisti online, evoluzione dell`esperienza nel negozio reale per rispettare le nuove norme sanitarie e spostamento dei consumi verso scelte più ambientali, sociali e patriottiche.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684