Infrastrutture, Nello Musumeci, il Cas meglio dell' Anas - QdS

Infrastrutture, Nello Musumeci, il Cas meglio dell’ Anas

redazione web

Infrastrutture, Nello Musumeci, il Cas meglio dell’ Anas

venerdì 07 Agosto 2020 - 14:11

Polemiche anche all'inaugurazione dello svincolo di Rosolini della Siracusa-Gela. Per il Governatore il consorzio in pochi mesi ha fatto tanto. Falcone, adesso l'autostrada fino a Ispica. I Sindacati, si punti anche alla Catania-Ragusa

Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci intervenendo oggi all’inaugurazione dello svincolo di Rosolini, dell’autostrada Siracusa-Gela.

“Lo svincolo fino a ieri era di una sola carreggiata con doppio senso di circolazione adesso è a doppia carreggiata con quattro corsie: quando in Sicilia applicheranno lo stesso metodo del ponte di Genova, e quel metodo non sarà un’eccezione ma diventerà una regola, allora avremo il piacere di inaugurare e inviteremo persino il ministro dei trasporti”.

Lo ha detto il presidente della Regione Nello Musumeci, oggi al taglio del nastro dello svincolo di Rosolini dell’autostrada Siracusa-Gela, riaccendendo le polemiche seguite alla sua mancata partecipazione all’apertura del viadotto Himera.

“Non voleva essere – ha detto il Governatore – una mancanza di riguardo nei confronti del ministro dei trasporti, ma riteniamo non ci sia più bisogno di fare sceneggiate: il teatro lasciamolo agli altri”.

“Ma se tutto dobbiamo fare da soli – è tornato a polemizzare – con un piccolo consorzio come il Cas, che di fronte all’Anas diventa un moscerino, questo moscerino ha fatto negli ultimi mesi quello che non era riuscito a fare negli ultimi anni quando era strumento di clientela a servizio del governatore di turno”.

“La Sicilia – ha detto ancora Musumeci – per poter diventare una terra competitiva ha bisogno di grandi infrastrutture. Siamo in notevole ritardo rispetto alle altre regioni del Mezzogiorno d’Italia. Lavoriamo come tante formiche in silenzio mentre le cicale cantano, lavoriamo in silenzio con la partecipazione di un gioco di squadra tecnici, maestranze, impresa e i cittadini in un contesto che deve necessariamente cambiare”.

Sui ritardi dei lavori per il ripristino della strada dopo la frana di Letojanni il Governatore ha detto: “Si tratta di un’altra vergogna: tre anni ferma ma finalmente noi abbiamo attivato le procedure grazie ai continui viaggi a Roma dell’assessore Falcone. Ormai mancano gli ultimi due mesi. Credo che in autunno il cantiere sarà patrimonio di tutti e cancelleremo questa vergogna di fronte la quale il Cas era rimasto inerte quando non eravamo noi al governo”.

Falcone, fra poco autostrada fino a Ispica

“La Siracusa-Gela – ha detto l’assessore alle infrastrutture Marco Falcone – quando siamo arrivati era in uno stato di abbandono, una grande incompiuta, un cantiere lasciato a se stesso. L’abbiamo riavviata. E soprattutto abbiamo riavviato maestranze e mezzi. Fra qualche mese arriveremo a Ispica completando altri dieci chilometri e aprendo lo svincolo. Questa è una delle pochissime opere autostradali in costruzione nell’intera Italia meridionale”.

Bonfanti, bene apertura Rosolini

Il sindaco di Noto Corrado Bonfanti ha commentato, a proposito dell’autostrada, che “Si sta ridisegnando e accelerando il futuro di questo territorio, il futuro del Val di Noto”.

“Il Governo regionale – ha aggiunto – sta realizzando i fatti ed ogni metro è un metro di speranza. Abbiamo vissuto una giornata importante: è ripartito un ragionamento che si era fermato da tempo per quella che è tutt’oggi un’opera interminabile come la Siracusa-Gela”.

I Sindacati, ora la Catania-Ragusa

“L’inaugurazione dello svincolo di Rosolini – hanno sottolineato i segretari generali di Cgil Roberto Alosi, di Cisl Vera Carasi e il sub commissario della Uil, Saveria Corallo – rappresenta un punto fermo e allo stesso tempo uno sguardo già proiettato al futuro. Musumeci ha parlato di infrastrutture carenti in Sicilia e se la Regione siciliana pensa di avviare il processo di ammodernamento delle infrastrutture, lavoro ce n’è tanto. E far partire i cantieri in tutto il territorio sarà fondamentale, speriamo a breve che ciò avvenga anche per la Catania-Ragusa”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684