“Investimenti in Sicilia, è ora di fare chiarezza” - QdS

“Investimenti in Sicilia, è ora di fare chiarezza”

redazione

“Investimenti in Sicilia, è ora di fare chiarezza”

venerdì 24 Luglio 2020 - 00:00
“Investimenti in Sicilia, è ora di fare chiarezza”

Compagnone, deputato Popolari e Autonomisti all’Ars sul Recovery Fund, "Ponte sullo Stretto e fiscalità di sviluppo, basta alibi"

“Il varo del Recovery Fund sancisce nei fatti una disponibilità economica senza precedenti che non lascia dubbi alla possibilità di finanziamento del Ponte sullo Stretto e della fiscalità di sviluppo. Due misure sinergiche che, da sempre, riteniamo indispensabili per dare un futuro diverso alla Sicilia e per le quali ci siamo battuti, in Sicilia, come a Roma, nelle aule parlamentari ed anche nelle piazze”.

Lo afferma il deputato regionale (Autonomisti) e presidente della Commissione Ue dell’Ars, Giuseppe Compagnone.

“La realizzazione del Ponte da un lato colmerebbe quel gap infrastrutturale che separa l’isola dal resto d’Italia, sottraendola alla caro-tariffe dei voli, dall’altro costituisce la naturale premessa per abbattere i tempi di trasferimento per raggiungere l’Europa, specie in previsione di collegamenti ferroviari più veloci; l’infrastruttura consentirebbe anche di intercettare i consistenti traffici navali che insistono sul Mediterraneo, con ulteriori evidenti vantaggi per l’economia dell’isola” prosegue Compagnone.

“Altrettanto importante – sottolinea – è l’impatto che avrebbe la fiscalità di sviluppo, una misura che consentirebbe di attrarre nuove imprese, sottraendo il nostro territorio ad interventi di mero ed inutile assistenzialismo”.

“A questo punto – prosegue Compagnone – i siciliani hanno il diritto di sapere quali forze politiche, nazionali e regionali, sono a favore di due misure che davvero potrebbero dare un futuro diverso alla Sicilia, e quali si ostinano ad opporsi. Non possiamo lasciare alibi a chi si maschera dietro strategici cambiamenti di posizione o progetti alternativi, come accaduto anche recentemente con il Ponte sullo Stretto; né tanto meno possiamo lasciarci abbindolare da mere misure assistenziali. È questo il momento di dare una svolta al futuro della nostra isola, è questo il momento della chiarezza”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684