Clima, 2019 terzo anno più caldo - QdS

Clima, 2019 terzo anno più caldo

redazione

Clima, 2019 terzo anno più caldo

sabato 11 Luglio 2020 - 00:00

ROMA – Il 2019 è stato il terzo anno più caldo in Italia degli ultimi 60 anni, dal 1961. Temperature medie più alte in quel periodo si sono avute solo nel 2108 (il più caldo del sessantennio) e nel 2015. Il 2019 è stato il 23esimo anno di seguito con temperature superiori alla media del periodo di riferimento, il 1961-1990. Il brutto record dell’anno scorso lo ha rivelato l’Ispra.

È solo l’ultima di una serie lunghissima di dimostrazioni scientifiche di un’emergenza in atto: il mondo si sta surriscaldando, e la causa sono le emissioni di gas serra dell’uomo. Il caldo in Italia l’anno scorso è stato particolarmente intenso tra il 26 e il 29 giugno: +4.25°C al Nord, +4.0°C al Centro, +3.27°C al Sud e Isole. Sono stati registrati nuovi record assoluti di temperatura in diverse località del nord-ovest e del settore alpino, con punte di 40°C in pianura e 35-36°C a 1000 metri di quota. Caldo estremo vuol dire grande evaporazione, quindi forti piogge ed eventi estremi, come trombe d’aria ed alluvioni.

L’Ispra ricorda la perturbazione che il 21 ottobre ha investito Liguria e Piemonte. Poi a novembre i venti di tempesta hanno causato forti mareggiate, con frane e smottamenti. Ci sono state piogge alluvionali a Matera e l’acqua alta a Venezia, con livelli di marea fino a 187 cm.
Il 2019 ha registrato una temperatura media superiore di 1,56°C rispetto al valore climatologico di riferimento, il 1961-1990. è stato il 23/o anno consecutivo con anomalia positiva di temperatura. Otto dei dieci anni più caldi della serie storica sono stati registrati dal 2011 in poi, con anomalie comprese tra +1.26 e +1.71°C.

Ma quella dell’Ispra non è che l’ultima conferma della gravità del riscaldamento. Secondo il Cnr, il decennio dal 2010 al 2019 è stato il più caldo della storia in Italia, almeno da quando si fanno rilevazioni scientifiche, cioè dal 1880. Negli ultimi 40 anni, dal 1980, le temperature medie nel nostro paese sono aumentate di 0,45 C ogni decennio.

Secondo la Fondazione per lo sviluppo sostenibile, nell’ultimo quarantennio le temperature in Italia sono salite di 0,6 C più della media mondiale. Se non riduciamo drasticamente le emissioni di gas serra, gli obiettivi dell’Accordo di Parigi rimangono fuori portata.

L’agenzia statunitense per gli oceani e l’atmosfera, la Noaa, ha rivelato che gli ultimi cinque anni, dal 2015 al 2019, sono stati i più caldi nel mondo dal 1880. Per il programma di osservazione della Terra della Ue, Copernicus, il 2019 è stato l’anno più caldo della storia in Europa, con temperature superiori di 2 gradi alla media mondiale.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684