Ispra, via al primo monitoraggio nazionale della popolazione del lupo in Italia - QdS

Ispra, via al primo monitoraggio nazionale della popolazione del lupo in Italia

redazione

Ispra, via al primo monitoraggio nazionale della popolazione del lupo in Italia

venerdì 14 Agosto 2020 - 00:00

Per poter ottenere una stima aggiornata della popolazione del lupo e della sua distribuzione in Italia, il prossimo ottobre, fino a marzo 2021, partirà il Primo piano coordinato di monitoraggio nazionale del lupo con 4 mila operatori, grazie ad avanzate tecniche di indagine e perlustrazioni in circa mille celle di dieci chilometri quadrati sull’intero territorio dalle Alpi alla Calabria.

Il monitoraggio coordinato dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra) che ha ricevuto mandato dal Ministero dell’Ambiente, per la prima volta da quando il lupo è stato protetto, si basa su disegni di campionamento e protocolli standardizzati avanzati, messi a punto dallo stesso istituto, per cui saranno coinvolti Regioni, Parchi nazionali e Carabinieri forestali.

“Per rispondere a questa sfida ambiziosa – ha spiegato Ispra – abbiamo creato un gruppo di lavoro specializzato, che coinvolge zoologi e genetisti, e attivato una collaborazione con Federparchi Europarc Italia (la Federazione italiana dei parchi e delle riserve naturali) e con il progetto Life WolfAlps-Eu”. “Il lupo è una delle specie più conosciute in Italia, ma anche una delle più elusive e difficili da studiare” aggiunge Piero Genovesi, responsabile del Servizio coordinamento fauna selvatica dell’Ispra ribadendo che “tutti i progetti finora attivati” infatti “hanno avuto carattere locale e circoscritto nel tempo, limitando la possibilità di produrre una stima accurata a livello nazionale”. Ispra quindi assicurerà un percorso di formazione, anche online, per il personale tecnico coinvolto e verrà prodotta un’Applicazione, scaricabile dagli operatori del monitoraggio, che utilizza protocolli standardizzati impiegati anche in altri Paesi europei.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684