Italia lontanissima da obiettivo 80% vaccinati tra over 80 a marzo - QdS

Italia lontanissima da obiettivo 80% vaccinati tra over 80 a marzo

web-dr

Italia lontanissima da obiettivo 80% vaccinati tra over 80 a marzo

web-dr |
lunedì 22 Marzo 2021 - 11:29

Lo ha detto Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe ai microfoni della trasmissione 'L'Italia s'è desta' su Radio Cusano Campus. Differenze importanti su base regionale.

“Siamo lontani mille miglia dall’obiettivo europeo per cui entro il 31 marzo bisognava vaccinare l’80% degli over 80”. Lo ha detto Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe ai microfoni della trasmissione ‘L’Italia s’è desta’ su Radio Cusano Campus.

“Noi abbiamo avuto un primo piano presentato a metà dicembre dal ministro Speranza dove nel primo trimestre del 2021 – ha spiegato Cartabellotta – erano previste 28 milioni di dosi che ora si sono ridotte a 15 milioni e 700mila, quindi sono state quasi dimezzate. Di questi 15 milioni e 700mila – ha aggiunto – mancano all’appello circa 6 milioni di dosi. Quindi il primo vero grosso problema è che i vaccini arrivati sono pochi”.

“Nella prima versione del piano le categorie con priorità – ha ricordato Cartabellotta – erano gli operatori sanitari, ospiti e personale Rsa e poi gli over 80. Siccome si attendevano più vaccini, oltre agli operatori sanitari è stato vaccinato tutto il personale che ruota intorno agli ospedali. Alla fine sono rimasti indietro gli over 80, la fascia di età che ha pagato il prezzo più caro nella pandemia ed era la prima che bisognava proteggere”.

“Alla fine ogni regione ha dato priorità diverse rispetto al piano vaccinale. Oggi – ha sottolineato il presidente della fondazione Gimbe – abbiamo il 4,1% della popolazione che ha fatto le due dosi, ma ci sono differenze importanti su base regionale.

Alcune regioni non hanno un’anagrafe vaccinale, hanno personale sanitario rispetto ad altre, le differenze sono legate a tutte queste variabili. E’ impossibile al momento – ha concluso Cartabellotta – definire un quadro sistematico. Quello che è certo, come ha detto anche Draghi, è che le regioni vanno in ordine sparso”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684