La Federazione Cimo-Fesmed diventa soggetto sindacale unico - QdS

La Federazione Cimo-Fesmed diventa soggetto sindacale unico

redazione

La Federazione Cimo-Fesmed diventa soggetto sindacale unico

venerdì 16 Ottobre 2020 - 00:00

ROMA – Cimo-Fesmed diventa un unico sindacato. Raggiungere un traguardo così ambizioso non era facile e si sapeva fin dall’inizio. Il percorso federativo è stato lungo a travagliato ma oggi possiamo dire che l’obiettivo è stato definitivamente raggiunto. Dal prossimo mese di novembre gli iscritti Cimo e quelli Fesmed transiteranno in un solo soggetto sindacale con la cessione delle deleghe sindacali alla Federazione Cimo-Fesmed che in vista della imminente rilevazione da parte dell’Aran consentirà alla nuova sigla una ben più rilevante rappresentatività a livello nazionale e locale per il triennio 2021-2023.

Fino alla nuova rilevazione Aran delle deleghe che avverrà nel mese di gennaio 2021, Cimo e Fesmed conservano, ciascuno, tutte le prerogative sindacali previste dai vigenti Ccnq e, fino alla pubblicazione della prossima rilevazione ufficiale delle deleghe, continueranno a partecipare separatamente alle trattative aziendali.

La Federazione Cimo-Fesmed prevede la costituzione dei Dipartimenti Cimo e Fesmed ciascuno dei quali ricomprende Settori specifici. Questo esclusivamente per finalità amministrativo/contabile per consentire a ciascuna Azienda Sanitaria di attribuire, con esattezza, la trattenuta sindacale al corrispettivo c/c bancario. Per le nuove iscrizioni alla Federazione Cimo-Fesmed il medico dipendente indicherà, sulla scheda di iscrizione, il Dipartimento/Settore Specifico al quale vuole aderire.

A questo punto sarà compito dei vari segretari aziendali Cimo e dei Fiduciari Fesmed vigilare sulla corretta attribuzione delle deleghe al nuovo soggetto sindacale da parte degli Uffici amministrativi delle Azienda Sanitarie per evitare conseguenze di natura economica e di rappresentatività derivante da una non corretta attribuzione delle deleghe stesse.

Giuseppe Riccardo Spampinato
Segretario organizzativo nazionale Cimo

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684