La politica e le istituzioni ripartono dai giovani - QdS

La politica e le istituzioni ripartono dai giovani

Raffaella Pessina

La politica e le istituzioni ripartono dai giovani

sabato 19 Ottobre 2019 - 00:00
La politica e le istituzioni ripartono dai giovani

Il Coordinamento Consulta del Sud tre giorni a Roma. Incontri alla Camera, al Senato e al Vaticano

PALERMO – Presentato alla Camera del deputati il “Coordinamento delle Consulte del Sud Italia”, un organo apartitico per rilanciare il Meridione partendo dai giovani.

Il Coordinamento è un organo interregionale, che ha il compito di promuovere le politiche giovanili all’interno delle istituzioni del nostro Paese.

Dopo la conferenza inaugurale presso la Camera dei Deputati sono seguiti incontri con le Istituzioni religiose in Vaticano, presso il Senato della Repubblica e nelle sedi dei differenti Ministeri. Obiettivo del coordinamento è quello di raccogliere le istanze dei giovani a livello regionale per tradurre il malessere sociale ed economico in propositi per il cambiamento.

Soddisfatto il presidente dell’assemblea delle Consulte siciliane, Alessandro Magistro: “Abbiamo portato a casa risultati e accordi di programma per la Sicilia e per i giovani del Mezzogiorno – ha detto Magistro – non era mai accaduto che delle Consulte locali di varie regioni del Sud si unissero in una sola voce, per farsi ascoltare dalle Istituzioni nazionali e dal Governo”.

Magistro ha ricordato che l’Assemblea in solo sei mesi di vita è riuscita a raggiungere risultati insperati come il coinvolgimento di tutti gli schieramenti politici, senza preferenza alcuna. Con la nascita del Coordinamento, il prossimo passo sarà l’avvio dei lavori e la creazione di un regolamento interno, che possa dare il via a successivamente elezioni per la costituzione del direttivo e del consiglio. In seconda battuta, cominceranno cadenzati incontri presso il Senato, la Camera dei Deputati e tutti i Ministeri interessati a una cooperazione trasversale. “Il coordinamento si riunirà ogni 3 mesi e conta già su circa 70 rappresentanti che mettono in campo azioni concrete su start up innovative, agricoltura e migrazione giovanile”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684