L’appello dell’Udc: “La Sicilia esca dalla depressione” - QdS

L’appello dell’Udc: “La Sicilia esca dalla depressione”

Raffaella Pessina

L’appello dell’Udc: “La Sicilia esca dalla depressione”

mercoledì 17 Luglio 2019 - 00:00
L’appello dell’Udc: “La Sicilia esca dalla depressione”

Il segretario Cesa a Caltanissetta per il meeting “Adesso tocca a noi” afferma: “A cent'anni dall'appello di don Sturzo è tempo di cambiare". Dodici proposte di riflessione per reinterpretare i valori "che rappresentano la nostra radice”.

CALTANISSETTA – Il segretario nazionale dell’Udc, Lorenzo Cesa, non ha dubbi: la Sicilia deve uscire dalla depressione economica in cui è piombata ormai da troppo tempo.

Ed è proprio a margine dell’evento che il partito ha tenuto a Caltanissetta , dal titolo “Adesso tocca a noi: 100 giovani dalla Sicilia per la Sicilia”, Cesa ha sottolineato quanto bisogno ci sia di giovani in politica.

“A distanza di 100 anni dall’appello di don Sturzo – ha detto – l’Udc presenta 12 nuove proposte di riflessione che reinterpretano quei valori e quei principi che rappresentano la nostra ‘radice’ politica”.

Le proposte spaziano dalla libera università come strumento di crescita e sviluppo a una sanità di eccellenza per fermare la ‘migrazione’ dei siciliani verso il Nord; da una fiscalità di vantaggio contro il fenomeno delocalizzazione agli investimenti sulle start up per impedire la fuga dei cervelli. Cesa sottolinea che il programma non può non tenere conto che i giovani sono i protagonisti del futuro della politica. “Non possiamo pensare al domani senza investire sulla formazione di una nuova classe dirigente politica – ha detto il segretario – Come Unione di centro siamo qui oggi, a Caltanissetta, per reinterpretare i 12 punti dell’appello ai Liberi e forti di don Luigi Sturzo”.

“La Sicilia – ha continuato Cesa – ha bisogno di infrastrutture moderne, una rete stradale e ferroviaria che sia adeguata al terzo millennio. Diciamo basta a chi vuole lasciare la Sicilia e il Sud in fondo alla classifica”. Per il leader dell’Udc bisogna creare “le condizioni ottimali di sviluppo per il turismo, valorizzare il territorio, promuovere i giovani, i loro talenti, ispirandosi sempre ai valori della dottrina sociale cattolica. è tempo di cambiare. è tempo che la Sicilia si svegli”, ha concluso Cesa.(rp)

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684