No pass, Barillari in Consiglio senza certificato, "Mi facciano uscire con la forza" - QdS

No pass, Barillari in Consiglio senza certificato, “Mi facciano uscire con la forza”

web-iz

No pass, Barillari in Consiglio senza certificato, “Mi facciano uscire con la forza”

web-iz |
venerdì 15 Ottobre 2021 - 10:32

Il consigliere regionale del Lazio: "Un segnale a chi da oggi, ad oltranza, difenderà con il proprio corpo il proprio posto di lavoro".

“Il 15 ottobre 2021: i libri di storia ricorderanno questa giornata come la Giornata della vergogna. Sono entrato nel mio ufficio senza green pass e senza tampone. Da questo momento aspetto le forze dell’ordine che mi dicano che non posso più stare nel mio ufficio a lavorare, aspetto che le autorità di questo Stato, che dovrebbero difendere la Costituzione della Repubblica Italiana, mi vengano a prendere per farmi uscire con la forza”. Lo scrive il consigliere regionale del Lazio Davide Barillari, ex M5s, su R020, Rete di Reti composta da gruppi locali di cittadini, che si riuniscono in Fuochi che si relazionano fra loro per organizzare iniziative, campagne e azioni

I motivi del gesto

“Io non opporrò resistenza: il mio è un atto simbolico, politico, istituzionale, per svegliare le coscienze. Io rispetto la Costituzione Italiana. Sono un rappresentante eletto nelle istituzioni democratiche e il mandato che ho ricevuto è quello di rappresentare tutti i cittadini – rimarca – Anche i più deboli, i più poveri e i più discriminati. Con il mio gesto, voglio dare un segnale a tutte le persone che da oggi e ad oltranza difenderanno con il proprio corpo il proprio posto di lavoro”.

“Dal 15 ottobre 2021 un rappresentante dei cittadini, eletto democraticamente, non può più esercitare il suo mandato istituzionale, ed entrare nel luogo dove è stato eletto. Questo dovrebbe essere un fortissimo segnale di allarme per tutte le persone che credono ancora nella democrazia italiana. Dignità e coraggio: nessun lasciapassare potrà mai privarci dei diritti sanciti dalla Costituzione Italiana. Nessun lasciapassare potrà mai toglierci la libertà ed il diritto al Lavoro. Io resisto per esistere. Non sono solo – conclude – tutti coloro che resistono, sono con me. Dall’interno del Consiglio Regionale del Lazio

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684