Leonforte, il sindaco Barbera lancia l'iniziativa "case a 1 euro"  - QdS

Leonforte, il sindaco Barbera lancia l’iniziativa “case a 1 euro” 

web-mp

Leonforte, il sindaco Barbera lancia l’iniziativa “case a 1 euro” 

web-mp |
mercoledì 03 Novembre 2021 - 08:00

Tra gli obiettivi c'è soprattutto quello di dare una nuova visione di sviluppo del paese e allo stesso tempo combattere la cementificazione di nuove aree a tutela del territorio

Raccontano epoche passate, le fatiche degli avi e le tradizioni che ne caratterizzano il territorio. Sono centri e quartieri storici di paesi e città italiani, oggi spesso caratterizzati da edifici disabitati, in stato di abbandono, siano essi proprietà di privati o enti pubblici, perché lasciati all’incuria del tempo.

Dare nuova vita a
questi squarci di paesi in decadenza è l’obiettivo che molti Comuni si
prefiggono di raggiungere e tra questi, in provincia di Enna, figura quello di
Leonforte che proprio a tal fine ha aderito al progetto delle “case a 1
euro”.

“Venerdì scorso (29 ottobre, ndr) è stata firmata la delibera”, ci fa sapere il sindaco Carmelo Barbera nel raccontarci la ragione che ha spinto l’amministrazione comunale a lanciare l’iniziativa.

“Abbiamo pensato a questo intervento come a una possibile soluzione per il recupero di case ubicate nel centro storico e che sono attualmente abbandonate o non abitate, alcune hanno della problematiche anche di carattere igienico-sanitarie. Molto spesso risulta difficile rintracciare i proprietari perché si tratta di eredi che vivono fuori Sicilia o all’Estero”.

DALLA RIQUALIFICAZIONE ALLA LOTTA CONTRO LA CEMENTIFICAZIONE

Riqualificare e valorizzare il centro storico cittadino e allo stesso tempo combattere la cementificazione di nuove aree a tutela del territorio sempre più saturo e in difficoltà, gli obiettivi. “Si è assistito negli ultimi tempi a uno spostamento degli abitanti dal centro storico verso zone di nuova costruzione. Ciò ha comportato, chiaramente, una cementificazione, anche importante – spiega il primo cittadino di Leonforte -, capace di creare dei problemi con le abbondanti piogge, soprattutto nelle zone circostanti dove diversi sono stati i disagi generati da questa combo. Il progetto delle “case a 1 euro” servirebbe quindi anche a evitare un’ulteriore cementificazione e fare in modo che si ritorni ad abitare nel centro storico facendolo rivivere, valorizzandolo e rendendolo così maggiormente attrattivo per i turisti. Tra gli obiettivi c’è soprattutto quello di dare una nuova visione di sviluppo del paese”.

L’ITER

Pubblicata la delibera si procederà con la pubblicizzazione dell’iniziativa, i passi successivi saranno l’acquisizione della volontà di cessione degli attuali proprietari e la presentazione delle offerte dei possibili nuovi acquirenti: “La delibera è stata pubblicata lo scorso venerdì, ad essa seguirà un lavoro da parte dell’amministrazione comunale di pubblicizzazione e veicolazione del contenuto. Il Comune acquisirà quindi la volontà di cessione degli immobili da parte dei proprietari, dopodiché verrà stilato un elenco degli edifici disponibili alla vendita che verrà successivamente pubblicato. I potenziali acquirenti faranno poi le loro offerte e acquisteranno questi immobili a prezzi ben al di sotto del loro valore di mercato. I nuovi proprietari avranno quindi tre anni di tempo per effettuare i lavori di ristrutturazione”.

PROGETTO RIVOLTO A PROPRIETARI E INVESTITORI

Quello delle “case a 1 euro” può essere considerato, come ha tenuto a sottolineare il sindaco Barbera, “uno strumento importante attraverso il quale i proprietari di questi immobili possono togliersi delle responsabilità e dei pesi sia perché devono pagare le tasse a essi relative sia perché hanno delle responsabilità nel caso in cui dovessero provocare – e non ce lo auguriamo – un danno a cose o persone”.

Destinatari di
questa iniziativa non soltanto i cittadini leonfortesi ma anche tutti coloro
che credono nel territorio e intendono investire su di esso: “Può altresì
essere un’occasione importante – conclude – non soltanto per i miei
concittadini ma per chiunque voglia, avendone le possibilità, investire sul
nostro centro storico e aiutare l’amministrazione comunale, attraverso questo
strumento, a dargli nuova vita”.

Alessandra La Farina

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684