Licata, torture e sevizie a soggetti deboli, fermati tre uomini - QdS

Licata, torture e sevizie a soggetti deboli, fermati tre uomini

web-dr

Licata, torture e sevizie a soggetti deboli, fermati tre uomini

web-dr |
martedì 26 Gennaio 2021 - 17:06

I fatti si sono svolti a Licata e sono stati ripresi con i cellulari in alcuni video che condivisi su diverse piattaforme di social network hanno consentito ai Carabinieri della locale compagnia di avviare le indagini attribuendo precise e puntuali responsabilità ai singoli.

Tortura e sequestro di persona. Queste le accuse più gravi ipotizzate nei
confronti di tre uomini licatesi considerati responsabili di minacce, violenze e sevizie sadiche ai danni di malcapitati.

I fatti si sono svolti a Licata e sono stati ripresi con i cellulari in alcuni video
che condivisi su diverse piattaforme di social network hanno consentito ai
Carabinieri della locale Compagnia di avviare le indagini attribuendo precise e puntuali responsabilità ai singoli appartenenti al “branco” che si divertiva a colpire e vessare soggetti deboli e di minorata difesa.

Come emerge anche dai video, si denota una cattiveria ingiustificata ed una cultura senza dubbio sbagliata di considerare l’altro meno forte, uno scarto da colpire e da ridicolizzare fino al punto di divenire oggetto di comportamenti disumani e degradanti al solo fine di ottenere qualche like in più.

I provvedimenti di fermo, decisi dalla procura di Agrigento, sono stati eseguiti nella notte e sono stati accompagnati da diverse perquisizioni finalizzate a proseguire le indagini per risalire all’identificazione dell’intero gruppo e all’acquisizione di ulteriori elementi probatori.

I militari operanti hanno appurato che una delle vittime in pieno giorno ed in pieno centro è stato deriso, legato, tipo “imballaggio”, con del nastro adesivo e lasciato sul marciapiedi nell’indifferenza collettiva.

Le vittime, peraltro, puntualmente venivano minacciate a rimanere in silenzio e a non rivolgersi alle Forze dell’Ordine.

I tre uomini, A.C. classe 1994, G.S. classe 1997 e A.M.S. classe 1984, sono
stati condotti presso la Casa Circondariale di Agrigento dove rimarranno a
disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684