Catania

Lungomare Catania, l’idea è “liberare” prima il tratto Rotolo-Ulisse

CATANIA – È stata necessaria un’azione intensa di pressing da parte dell’amministrazione, ma sulla viabilità di scorrimento di via del Rotolo le cose stanno andando avanti. Dopo decenni di attesa e un lungo stop ormai superato, pare che stavolta possa essere quella buona per riavviare il cantiere. Che, una volta completato, permetterà di spostare il traffico veicolare a monte del Lungomare, liberandolo dalla morsa delle auto. L’opera è suddivida in due lotti: il primo, da piazza Europa a via del Rotolo e, il secondo, dal Rotolo fino al viale Ulisse. A confermare le buone nuove è il delegato del sindaco di Catania Salvo Pogliese ai Lavori Pubblici.

“Purtroppo, soffriamo ancora un problema di natura progettuale, che stiamo tentando di risolvere, nella parte Europa – Rotolo – spiega l’assessore Enrico Trantino – ma, per quanto riguarda la parte che va da via del Rotolo al viale Ulisse, abbiamo finalmente risolto il problema degli isolatori, perché abbiamo trovato un accordo economico con chi li deve realizzare che li sta mettendo in cantiere e inizierà a fornirceli progressivamente – prosegue. Questo ci permetterà si completare l’opera che io desidero venga fatta il prima possibile”.

Occorreranno circa 90 giorni perché arrivino gli isolatori, come riporta il quotidiano La Sicilia, e a quel punto il cantiere potrà proseguire. “Questa infrastruttura – insiste l’assessore – rappresenta non un’opera ma ‘l’opera’ fondamentale per completare l’assetto urbanistico della città”. Che, a quel punto, potrebbe cambiare volto, almeno relativamente alla zona che affaccia sulla scogliera: non solo, infatti, la nuova viabilità consentirà di eliminare il traffico dal Lungomare, ma potrebbe consentire, se non accelerare, la demolizione del cavalcavia che esclude alla vista alla chiesa di Ognina, spezzando di fatto un paesaggio suggestivo.

Liberando finalmente il tratto da piazza Mancini Battaglia a piazza Nettuno – conferma Trantino – possiamo pedonalizzare una prima parte del lungomare e realizzare il sogno di tanti catanesi: l’abbattimento del ponte di Ognina restituendo il borgo marinaro alla sua originaria funzione”. Un sogno che, quindi, potrebbe presto diventare realtà, anche se occorrerà trovare i fondi e avere la volontà politica di realizzarlo. Intanto, però, la ripresa dei lavori consentirà nn solo di andare avanti con un’opera strategica per la viabilità, ma anche di liberare parte del viale Ulisse, proprio all’altezza dell’importante intersezione con la piazza Mancini Battaglia. In questo momento zona particolarmente problematica a causa del concomitante cantiere per il collettore di Aci Castello.

Recent Posts

Cefalù, donna cade in mare, salvata dalla guardia costiera

La caduta di una donna in mare dopo essere scivolata da un pontile poteva trasformarsi in tragedia, ma il pronto…

1 ora ago

Tram Palermo, il Comune, “Avanti progetto con fiducia”

Si è svolta, stamani, una riunione tra l'assessore alla Mobilità, Giusto Catania, i progettisti del sistema tranviario della città di…

1 ora ago

Covid, in Sicilia altri 11 comuni in “arancione” fino al 2 febbraio

PALERMO (ITALPRESS) – Altri 11 Comuni siciliani in “zona arancione” da venerdì 21 gennaio sino al 2 febbraio compreso. Si…

2 ore ago

Quirinale, Conte “Non poniamo veti su Draghi”

ROMA (ITALPRESS) - "Non poniamo assolutamente dei veti. Noi guardiamo soltanto all'interesse del Paese e facciamo valutazioni nell'interesse del Paese…

2 ore ago

Calciomercato, su Dybala piomba il Barcellona

Se il tiro alla fune sul rinnovo del contratto finirà con un accordo tra le parti, è ancora presto per…

2 ore ago

Sicilia zona arancione, restrizioni in altri 11 comuni, ecco quali

Si tratta di Acate, Chiaramonte Gulfi, Comiso, Ispica, Modica, Pozzallo, Ragusa, Santa Croce Camerina, Scicli e Vittoria, in provincia di…

2 ore ago