Luparello, "Una petizione per la riapertura del parco Cassarà" - QdS

Luparello, “Una petizione per la riapertura del parco Cassarà”

web-la

Luparello, “Una petizione per la riapertura del parco Cassarà”

web-la |
venerdì 22 Ottobre 2021 - 15:04

“Il parco è stato inaugurato il 26 novembre del 2011, il mio rammarico – dichiara Elisabetta Luparello, coordinatrice provinciale della Lega Giovani – è che un Parco così esteso all’interno del quale vi è anche un teatro all’aperto, una pista di pattinaggio, tre campi di bocce, un lago artificiale, percorsi pedonali e ciclabili, percorsi ambientali ed un parcheggio pubblico non sia più fruibile da parte della cittadinanza.

Il 16 aprile 2014 è stato chiuso a causa dell’accertata presenza di amianto sotto la superficie, i 12 carotaggi svolti dalle ditta competente hanno confermato la presenza di elementi tossici nel sottosuolo e nella falda acquifera del polmone verde. Premettendo che il Comune dovrebbe assumere un soggetto esterno che stili il progetto di caratterizzazione dell’area, che faccia le valutazioni di rischio, che indici gli interventi necessari, quanto tempo dovrà passare prima che qualcuno si attivi?

“Fa’ ancora più male se si considera che il parco è intestato a Ninni Cassarà. La lotta alla mafia in difesa della legalità passa anche da questo, inutile riempirsi la bocca di dichiarazioni vuote come ci ha abituato a fare il Sindaco Orlando e poi offendere la memoria di una vittima della mafia lasciando per anni un parco in queste condizioni.

Inoltre si possono individuare le risorse necessarie anche attraverso il coinvolgimento di associazioni, cittadini e imprese attraverso i fondi previsti dal Geobonus, uno strumento introdotto dalla Finanziaria che tra le altre finalità, prevede risorse proprio per la bonifica di aree da amianto.”

La Lega Giovani di Palermo organizza una petizione giorno 29 ottobre dalle ore 16:30 alle 19:00 che coinvolgerà tutta la cittadinanza, per chiedere alle Istituzioni di intervenire e rendere il parco fruibile il prima possibile”, conclude Elisabetta Luparello.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684