M5s, “No al bollo auto per mezzi del volontariato” - QdS

M5s, “No al bollo auto per mezzi del volontariato”

redazione

M5s, “No al bollo auto per mezzi del volontariato”

mercoledì 26 Febbraio 2020 - 00:00
M5s, “No al bollo auto per mezzi del volontariato”

Ddl all’Ars presentato dalla deputata Stefania Campo. “Un aiuto a chi svolge attività socio-assistenziale, di soccorso e protezione civile”

PALERMO – Niente bollo auto in Sicilia per i mezzi delle associazioni di volontariato e di protezione civile.

È l’obiettivo del disegno di legge presentato all’Ars dalla deputata regionale del Movimento 5 Stelle, Stefania Campo.

“Le Regioni – spiega Campo – secondo una recente giurisprudenza non sono vincolate né obbligate a mantenere in vita il bollo auto e possono liberamente pensarne l’abolizione, purché nel rispetto degli equilibri finanziari del proprio bilancio. La Regione siciliana può quindi decidere di offrire un ulteriore aiuto alle attività svolte dalle associazioni di volontariato socio-assistenziale, soccorso e protezione civile, esentandole dal pagamento annuale della tassa di circolazione per i mezzi di servizio. Il volontariato infatti costituisce un prezioso e spesso insostituibile supporto all’attività istituzionale finalizzata ad alleviare disagi e fornire servizi gratuiti alle popolazioni colpite da calamità naturali, alle fasce sociali più deboli ed ai soggetti svantaggiati”.

Naturalmente, perché l’esenzione sia effettivamente applicabile, il disegno di legge, spiega ancora Stefania Campo, “prevede che i veicoli interessati appartengano e siano ad uso esclusivo ad associazioni regolarmente iscritte nel registro generale regionale delle organizzazioni di volontariato istituito ai sensi dell’articolo 6 della legge regionale 7 giugno 1994, n. 22 e delle associazioni di volontariato di protezione civile iscritte ai sensi dell’articolo 7 della legge regionale 31 agosto 1998, n. 14, al registro regionale delle organizzazioni di volontariato della protezione civile. Nel momento in cui il disegno di legge passerà il vaglio delle commissioni e dell’Aula – conclude Campo – la Sicilia avrà dato un segnale molto positivo di civiltà, incoraggiando i tantissimi volontari che con costante impegno e spesso nel silenzio e tra le difficoltà economiche, assicurano assistenza e supporto all’intera popolazione”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684