Mafia, beni per un milione sequestrati nel messinese - QdS

Mafia, beni per un milione sequestrati nel messinese

redazione web

Mafia, beni per un milione sequestrati nel messinese

martedì 12 Gennaio 2021 - 07:16
Mafia, beni per un milione sequestrati nel messinese

L'operazione è nata da indagini economico-patrimoniali condotte dalla Guardia di finanza peloritana nei confronti di due pregiudicati vicini ai clan, Domenico Ofria e Salvatore Pietro Sterrantino

La Guardia di finanza di Messina ha eseguito due decreti di sequestro di beni, per un valore complessivo di un milione di euro, emessi dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale peloritano su richiesta della Dda guidata dal procuratore Maurizio de Lucia.

L’operazione nasce da indagini economico-patrimoniali condotte dal Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria di Messina nei confronti di due pregiudicati: Dmenico Ofria e Salvatore Pietro Sterrantino.

In particolare, l’attività delle Fiamme Gialle è consistita nella individuazione del patrimonio, mobiliare e immobiliare, riconducibile ai due indagati, “accumulato in assenza di fonti di reddito lecite”.

Si tratta di immobili della zona residenziale di Barcellona Pozzo di Gotto, un fabbricato a Giardini Naxos e saldi di conti correnti bancari.

Ofria è un pregiudicato di cinquant’anni, ritenuto elemento di spicco del clan mafioso dei “barcellonesi” e coinvolto nell’inchiesta Mare Nostrum.

Gli accertamenti svolti dai militari del Gico hanno accertato che i redditi dichiarati derivavano da un’impresa intestata a un prestanome e in realtà controllata dal fratello di Ofria, anche lui uomo d’onore della stessa cosca.

Gli inquirenti parlano di un’impresa mafiosa che si sarebbe avvalsa della forza di intimidazione derivante dall’appartenenza a Cosa nostra per “sbaragliare la concorrenza, inserendosi in settori economici particolarmente proficui, quali quello dello smaltimento dei rifiuti”.

Nei locali della ditta, inoltre, secondo gli investigatori, si sarebbero svolti gli incontri tra i vertici del gruppo criminale.

L’altro indagato colpito dal sequestro, Sterrantino, è un pregiudicato di Giardini Naxos di 64 anni condannato per usura e per concorso in concussione aggravata dal metodo mafioso.

Avrebbe intascato una tangente di duemila euro da un imprenditore edile per accelerare le procedure burocratiche relative al pagamento degli stati di avanzamento lavori di opere che stava realizzando nel cimitero di Giardini di Naxos.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684