Mafia, blitz nel Catanese, gli imprenditori che aiutavano i clan - QdS

Mafia, blitz nel Catanese, gli imprenditori che aiutavano i clan

redazione web

Mafia, blitz nel Catanese, gli imprenditori che aiutavano i clan

martedì 04 Maggio 2021 - 06:32

Un commerciante di ortofrutta che grazie a Cosa nostra si imponeva sui concorrenti. Coinvolto anche un importante gioielliere. Riciclaggio e truffa all'Inps con i falsi braccianti agricoli

Nell’operazione condotta dai carabinieri di Catania contro gruppi criminali legati a Cosa nostra è emersa “una situazione di grave inquinamento mafioso del tessuto economico locale, come dimostra l’individuazione di diversi imprenditori che consapevolmente favorivano le illecite attività del clan”.

L’inchiesta, coordinata dalla Dda etnea, ha portato all’emissione di un’ordinanza di custodia cautelare per quaranta indagati.

Tra gli imprenditori coinvolti, il caso del titolare di una ditta di commercio di prodotti ortofrutticoli che otteneva la protezione della mafia per imporsi sulla concorrenza e gestire eventuali problemi con i creditori versando ai vertici della cosca una percentuale degli utili di impresa e consentendo loro di concludere affari.

O, ancora, il proprietario di importanti gioiellerie che consentiva al capo del clan di operare compravendite in contanti di diamanti, orologi e gioielli, senza rendicontazione fiscale, permettendogli di riciclare denaro sporco.

Dalle indagini è emerso anche un ulteriore canale di finanziamento delle casse del clan: l’indebita percezione dell’indennità di disoccupazione agricola.

Secondo l’accusa, attraverso una rete di ditte compiacenti, consulenti del lavoro disponibili e soggetti che si prestavano a fungere da falsi braccianti,, l’organizzazione predisponeva tutta la documentazione necessaria ed inoltrava all’Inps le domande per l’indennità.

Maggiori particolari sull’operazione saranno resi noti durante una conferenza stampa in mattinata nella sede del comando provinciale dei Carabinieri di Catania.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684