Mafia, boss canta in cori gospel, per i giudici si era ravveduto - QdS

Mafia, boss canta in cori gospel, per i giudici si era ravveduto

web-la

Mafia, boss canta in cori gospel, per i giudici si era ravveduto

web-la |
mercoledì 17 Febbraio 2021 - 17:56

Per i giudici del tribunale di sorveglianza di Sassari aveva manifestato evidenti segni di "redenzione", tanto da meritare permessi premio nonostante avesse riportato condanne all'ergastolo per omicidi e mafia

Per i giudici del tribunale di sorveglianza di Sassari aveva manifestato evidenti segni di “redenzione”, tanto da meritare permessi premio nonostante avesse riportato condanne all’ergastolo per omicidi e mafia.

Tra le circostanze che hanno spinto i magistrati a certificare il ravvedimento di Santo Rinallo, un passato da spietato killer della Stidda, c’era anche la sua partecipazione, da detenuto, a cori Gospel. Le indagini della Dda di Palermo hanno dimostrato che, malgrado i cori, Rallo era ancora pienamente inserito nelle attività criminali.

La circostanza è riportata nel provvedimento con cui il gip ha disposto la misura cautelare in carcere per l’ergastolano nell’ambito dell’ultima inchiesta della Dda su mafia e Stidda agrigentine. Rallo, per i giudici di sorveglianza, avrebbe meritato i permessi premio per “il corretto comportamento durante la detenzione e la partecipazione a molte attività tra cui quella del coro gospel”.

Circostanze che avrebbero dimostrato il profondo cambiamento subito in 26 anni di carcere “in direzione della legalità”. I giudici citavano anche il lavoro di cuoco svolto in carcere dal boss. “Purtroppo, la prospettiva di reinserimento nella società, principio ispiratore della disciplina penitenziaria e obiettivo costituzionalmente imposto, – scrive invece il gip escludendo ravvedimenti e cambiamenti- diventava per Rinallo un concetto astratto e smentito dai fatti accertati”

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684