Mafia, confiscati i beni del boss ristoratore - QdS

Mafia, confiscati i beni del boss ristoratore

redazione

Mafia, confiscati i beni del boss ristoratore

lunedì 11 Novembre 2019 - 08:44
Mafia, confiscati i beni del boss ristoratore

Nel Messinese sono stati acquisiti al Patrimonio dello Stato quattro imprese, quattordici immobili, diciannove terreni per complessivi 32 milioni appartenenti a Pietro Nicola Mazzagatti, "imprenditore" accusato di due omicidi

La Dia di Messina, su proposta del Direttore della Dia, Giuseppe Governale, e del Procuratore Maurizio De Lucia, sta eseguendo un provvedimento di confisca, emesso dal Tribunale di Messina – Misure di Prevenzione, nei confronti di Pietro Nicola Mazzagatti, di Santa Lucia del Mela (Messina), ritenuto appartenente al clan mafioso di Barcellona Pozzo di Gotto.

Il patrimonio confiscato ammonta a 32 milioni di euro.

Mazzagatti, detenuto nel carcere di Viterbo al 41 bis, è un imprenditore che, grazie ai suoi legami con i clan, nel tempo è riuscito ad acquisire il monopolio delle attività di ristorazione e di catering a Santa Lucia del Mela.

La sua carriera criminale ha avuto inizio negli anni Novanta del secolo appena trascorso.

A conclusione dell’inchiesta denominata “Sistema”, è stato condannato per estorsione aggravata dal metodo mafioso alla società CO.GE.MAR. s.r.l. di Barcellona Pozzo di Gotto, costretta a pagare il “pizzo” per i lavori di consolidamento eseguiti a Gualtieri Sicaminò (Messina).

L’indagato è stato condannato inoltre per la tentata estorsione a un cittadino iraniano, titolare di un’attività commerciale di tappeti persiani e di una struttura adibita a sala ricevimenti a San Pier Niceto (Messina).

E’ sotto processo per due omicidi, quello di Fortunato Ficarra, ucciso nel luglio del 1998 in un bar e quello di Domenico Tramontana, boss della zona di Terme Vigliatore ucciso nel 2001 a Barcellona Pozzo di Gotto.

Per i due delitti, nello scorso mese di luglio il pm ne ha chiesto la condanna all’ergastolo.

Grazie ai capitali mafiosi avrebbe realizzato la sala ricevimenti “Villa Mont Valerie”, e il bar “Valerie Coffee and Pastry” a Milazzo.

La Dia ha confiscato quattro imprese, quattordici immobili, diciannove terreni, rapporti finanziari, anche intestati a terzi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684