Mafia, Gela, 68 milioni di beni sequestrati a tre imprenditori - QdS

Mafia, Gela, 68 milioni di beni sequestrati a tre imprenditori

redazione web

Mafia, Gela, 68 milioni di beni sequestrati a tre imprenditori

martedì 16 Febbraio 2021 - 08:56

Dia e Guardia di finanza hanno messo i sigilli a società nei settori del commercio di autovetture e dell'edilizia riconducibili ai fratelli Luca e al figlio di uno di loro, tutti indicati come vicini al clan Rinzivillo. Sequestrati anche alberghi, ristoranti, fabbricati, terreni e conti bancari

Una cifra enorme: sessantotto milioni di euro.

Questa l’entità del sequestro di beni operata dalla Dia e dalla Guardia di finanza di Caltanissetta a tre imprenditori di Gela dei settori del commercio di autovetture e immobiliare.

Destinatari del provvedimento emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale nisseno, su proposta della locale Dda, sono Antonio Francesco Luca, di 65 anni, suo fratello Salvatore, di 70, e il figlio di quest’ultimo, Rocco, di 45.

I tre, indagati per concorso esterno in associazione mafiosa, sono ritenuti contigui a Cosa nostra e in affari, in particolare, con esponenti del clan Rinzivillo.

Le indagini della Dia e della Finanza hanno fatto emergere il reinvestimento da parte degli imprenditori di ingenti capitali di provenienza illecita in numerose società formalmente intestate ai loro familiari, attive nell’edilizia e nel commercio di auto, anche di lusso.

La provenienza mafiosa del capitale investito nella rivendita di automobili si affiancava a un mercato del “credito irregolare” che prevedeva una dilazione, mediante assegni post-datati, del pagamento delle autovetture in vendita. Queste, in caso di insolvenza, venivano recuperate e registrate fittiziamente come noleggi.

Secondo l’accusa, l’elevata capacità di intimidazione ha consentito di ridurre al minimo il rischio di insolvenza.

Sigilli sono stati posti a due concessionarie d’auto, cinque società immobiliari, due edilizie e una che si occupa di alberghi e ristorazione, 40 terreni e 192 fabbricati, e 47 rapporti bancari o finanziari.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684