Mafia, la Finanza sequestra i beni a Intravaia, genero del boss Mazzei - QdS

Mafia, la Finanza sequestra i beni a Intravaia, genero del boss Mazzei

redazione web

Mafia, la Finanza sequestra i beni a Intravaia, genero del boss Mazzei

venerdì 12 Giugno 2020 - 11:26

Un bar, tre appartamenti e conti correnti per quasi trecentocinquantamila euro. Secondo la Dda di Catania, l'uomo, di "pericolosità qualificata", affiancava il suocero "nella gestione del clan e lo sostituiva durante i periodi di carcerazione"

Beni per un valore complessivo di trecentotrentacinquemila euro, riconducibili a Giacchino Massimiliano Intravania, genero del capomafia Santo Mazzei, “‘U carcagnusu”, sono stati sequestrati dalla Guardia di finanza del comando provinciale di Catania.

Il provvedimento è stato emesso dalla sezione Misure di prevenzione del Tribunale su richiesta della Procura distrettuale.

Riguarda tre appartamenti, un bar, con tutti i relativi beni aziendali, e disponibilità finanziarie riconducibili a Intravaia e a sua moglie, Concetta Simona Mazzei, figlia del capomafia e sorella del boss Sebastiano, detto Nuccio.

Intravaia nel 2014 è stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare in carcere per la sua partecipazione, fino al 2012, all’associazione mafiosa dei Carcagnusi e per intestazione fittizia di beni.

E’ stato condannato, con sentenza ancora non definitiva, a undici anni di reclusione.

Nel 2015 è stato raggiunto da un’altra ordinanza di custodia cautelare in carcere per la sua affiliazione al clan di Santo Mazzei, delitto contestato per il periodo che va dall’aprile 2014 al gennaio 2015, e per intestazione fittizia di beni.

Per questi reati è stato rinviato a giudizio. Dalla lettura delle due ordinanze cautelari emerge che “il contributo associativo prestato al sodalizio dal proposto travalicava il mero rapporto di parentela con i reggenti del clan e si estrinsecava nell’affiancare Santo Mazzei nella gestione del gruppo mafioso”.

Intravia, ricostruisce la Dda di Catania, “lo sostituiva durante i periodi di carcerazione occupandosi del traffico di stupefacenti agevolando il sistematico rifornimento delle piazze di spaccio, partecipava a riunioni riservate aventi ad oggetto questioni rilevanti per la sussistenza e il consolidamento della compagine criminosa (gestione della cassa del clan e ‘punizione’ degli affiliati resisi autori di mancanze) nonché dimostrava di saper interagire proficuamente con esponenti di altri sodalizi per la cura di ‘affari’ comuni”.

Gli elementi raccolti durate le attività investigative svolte dalla Guardia di Finanza di Catania hanno consentito di provare, secondo la tesi dell’accusa, sin dell’anno 2000, l’affiliazione mafiosa di lntravaia e la sua pericolosità ‘qualificata’.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684