Mafia, la Regione espropria il casolare del delitto Impastato per farlo diventare luogo di memoria - QdS

Mafia, la Regione espropria il casolare del delitto Impastato per farlo diventare luogo di memoria

redazione web

Mafia, la Regione espropria il casolare del delitto Impastato per farlo diventare luogo di memoria

sabato 25 Gennaio 2020 - 07:18


La Regione siciliana ha pubblicato il bando per l’esproprio del casolare nelle campagne di Cinisi in cui, nel 1978, venne assassinato il militante di sinistra Peppino Impastato.

Il giovane, che dai microfoni di Radio Aut attaccava la cosca mafiosa del suo paese guidata da Tano Badalamenti, fu eliminato con modalità che dovevano avallare la falsa tesi di un “incidente sul lavoro”: Impastato venne tramortito e ucciso, prima di essere trasportato sui binari della ferrovia Palermo-Trapani per simulare un’esplosione accidentale durante un fallito attentato.

La giunta regionale presieduta da Nello Musumeci ha deciso recentemente di espropriare il casolare e il terreno circostante per farli diventare luoghi di memoria dedicati al giornalista.

Ora è stato pubblicato il decreto del dirigente generale Sergio Alessandro con cui si dà esecuzione alla decisione del governo Musumeci di espropriare il casolare e il terreno. Il provvedimento apre la strada alla dichiarazione di pubblica utilità per acquisire gli immobili.

Sulla base di un accordo, la Regione si è impegnata a concedere il casolare alla Città metropolitana di Palermo, secondo modalità e durata compatibili con la destinazione del casolare a “Centro nazionale culturale per la lotta alle mafie”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684