Mafia: legami tra clan e massoneria, otto condanne - QdS

Mafia: legami tra clan e massoneria, otto condanne

web-la

Mafia: legami tra clan e massoneria, otto condanne

web-la |
martedì 01 Giugno 2021 - 18:08

Il gup di Palermo Claudia Rosini ha condannato, in abbreviato, a pene comprese tra i 2 anni e 4 mesi e i 20 anni otto degli undici imputati nel processo che ha fatto luce su un intreccio affaristico fra mafia, politica e massoneria deviata che ha coinvolto il clan mafioso di Licata. L’accusa in aula è stata rappresentata dal pm Claudio Camilleri.

L’inchiesta, denominata “Assedio-Halycon”, è stata coordinata dall’aggiunto Paolo Guido e ha portato fra luglio e agosto del 2019 all’azzeramento della “famiglia” di Licata. A 20 anni è stato condannato il boss del paese dell’agrigentino, Angelo Occhipinti, imputato di mafia, estorsione e voto di scambio, a 10 e 8 mesi il Gran Maestro Lucio Lutri, funzionario della Regione, imputato di concorso in associazione mafiosa, a 12 Giovanni Mugnos, bracciante agricolo, fedelissimo di Angelo Lauria, uomo d’onore riservato della famiglia mafiosa che ha avuto 10 anni e 8 mesi. Stessa pena per Giuseppe Puleri, capomafia di Campobello e cugino del boss agrogentino Falsone.

A due anni e 4 mesi è stato invece condannato Marco Massaro, imputato di favoreggiamento. Assolti Vito Lauria, Giuseppe Galanti e Angelo Graci. Secondo l’accusa “grazie alle rete relazionale a sua disposizione quale Maestro venerabile della loggia massonica Pensiero ed Azione di Palermo, Lutri avrebbe “acquisito e veicolato agli appartenenti alla famiglia mafiosa informazioni riservate circa l’esistenza di attività di indagine a loro carico” e “sarebbe intervenuto per favori di altra natura”.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684