Mafia, operazione Freezer, Cassazione annulla una condanna - QdS

Mafia, operazione Freezer, Cassazione annulla una condanna

web-la

Mafia, operazione Freezer, Cassazione annulla una condanna

web-la |
venerdì 11 Giugno 2021 - 12:57

La prima sezione penale della Corte di Cassazione ha annullato, con rinvio, solo una delle quattro condanne inflitte il 21 giugno 2019 dalla Corte d’appello di Palermo nel processo scaturito dall’operazione antimafia “Freezer” del febbraio 2017, che ha visto nel mirino degli investigatori il clan di Alcamo (Tp).

La condanna annullata è quella a 6 anni di carcere inflitta al 73enne Antonio Stella, di Marsala, per il quale si dovrà, quindi, celebrare un altro processo di secondo grado davanti ad una diversa sezione della Corte d’appello di Palermo. A difendere Stella sono gli avvocati Diego Tranchida e Armando Veneto (quest’ultimo, dal 2016, presidente dell’Unione Camere penali italiane).

Condotta dalla polizia e coordinata dalla Dda, a dare il nome all’operazione fu il fatto che le riunioni operative del clan mafioso alcamese si svolgevano anche all’interno di una cella frigorifera di un negozio di ortofrutta all’angolo tra le vie Pia Opera Pastore e Ugo Foscolo. In tal modo, i partecipanti alle riunioni pensavano di non potere essere intercettati. Due anni fa, la Corte d’appello di Palermo, accogliendo le richieste dei pm, confermò, riducendo nell’entità alcune pene, le condanne inflitte in primo grado il 30 marzo 2018. In appello, il boss alcamese Ignazio Melodia, di 64 anni, noto come “u dutturi” in quanto laureato in medicina ed ex dipendente della sanità pubblica, è stato condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione (in primo grado: 6 anni e 4 mesi).

Quattro anni e 8 mesi anche per il suo autista e “tuttofare” Giuseppe Di Giovanni, di 36 anni, e per Filippo Cracchiolo, di 60, titolare del negozio di frutta e verdura dove si tenevano le riunioni. Solo ad Antonio Stella fu confermata la condanna subita in primo grado (6 anni). L’accusa, per tutti, è associazione mafiosa. Respinti dalla Cassazione i ricorsi delle difese, adesso sono divenute definitive le condanne a Melodia, Di Giovanni e Cracchiolo.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684