Mafia, quattro condanne e tre assoluzioni nel trapanese - QdS

Mafia, quattro condanne e tre assoluzioni nel trapanese

redazione

Mafia, quattro condanne e tre assoluzioni nel trapanese

martedì 30 Giugno 2020 - 17:05

Sono stati condannati dal gup di Palermo, Claudia Rosini, quattro dei sette imputati del processo abbreviato scaturito dall’operazione dei carabinieri “Mafia Bet”: 14 tra arresti e denunce, tra febbraio e marzo 2019, a Campobello di Mazara, Castelvetrano, Mazara e Salaparuta. La pena più severa (12 anni di carcere, e cioè quanto invocato dal pm Francesca Dessì) è stata inflitta, per associazione mafiosa e concorso in corruzione elettorale, all’imprenditore Salvatore “Mario” Giorgi,, 61 anni di Campobello di Mazara.

A dieci anni e mezzo, invece, è stato condannato, sempre per associazione mafiosa, Francesco Catalanotto, 47 anni di Castelvetrano, gestore di un centro scommesse a Campobello di Mazara.

Per favoreggiamento personale (ma senza l’aggravante mafiosa, come invece aveva contestato l’accusa) sono stati condannati a due anni di reclusione ciascuno, ma con pena sospesa, i campobellesi Paolo De Santo, di 45 anni, e Giacomo Barbera, di 67 anni. Per il primo, il pm aveva chiesto 4 anni, mentre per il secondo 2 anni e 8 mesi.

In passato, Barbera è stato condannato, consentenza definitiva, per il tentato omicidio del capo famiglia di Campobello di Mazara, Nunzio Spezia, su ordine dell’anziano capo mafia Natale Ala, quest’ultimo assassinato nel 1990. Il gup Rosini ha, infine, assolto Calogero Pizzolato, di 40 anni, anche lui di Campobello di Mazara, Antonino Tumbiolo, 48 anni di Mazara del Vallo, e Giuseppe Di Stefano, 82 anni di Salaparuta. Per loro, il pm Dessì aveva chiesto due anni ciascuno.

Altri sei imputati sono attualmente sotto processo davanti il Tribunale diMarsala. L’indagine ha coinvolto anche il deputato regionale di Forza Italia Stefano Pellegrino, accusato di corruzione elettorale in concorso senza aggravante mafiosa. La sua posizione, però, è stata già stralciata e il gup Rosini deve ancora decidere sulla richiesta della Dda. L’udienza è fissata per il prossimo 28 ottobre.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684