Mafia, teste di legno e condannati, cinque denunce nel Siracusano - QdS

Mafia, teste di legno e condannati, cinque denunce nel Siracusano

redazione web

Mafia, teste di legno e condannati, cinque denunce nel Siracusano

mercoledì 03 Febbraio 2021 - 09:51

Un trasferimento di valori per eludere le norme antimafia scoperto dalla Guardia di finanza di Catania a Noto. Cinque le persone denunciate. Commercialista sospeso per un anno dalla professione

Cinque persone sono state denunciate dalla Guardia di finanza di Catania nell’ambito di una indagine della Procura della Repubblica di Siracusa per trasferimento fraudolento di beni per eludere la normativa antimafia.

Tra gli indagati un imprenditore, Waldker Domenico Albergo, ritenuto dagli investigatori il referente del clan Trigila, un suo dipendente, Giuseppe Balistreri, e il commercialista di Albergo, Niccolò Tullio Lentini.

Trigila, già condannato con sentenze definitive per associazione mafiosa nel 1993, nel 1994 e nel 2006 e, da ultimo destinatario di misure di prevenzione relative alle sue attività commerciali.

Secondo quanto accertato, proprio in seguito all’esecuzione di queste misure patrimoniali, avrebbe con l’aiuto di altri due indagati, avviato a Noto una nuova attività commerciale – una rivendita di generi alimentari – che, per evitare ulteriori indagini, non avrebbe intestato a sé stesso o ai familiari ma a Balistreri.

L’acquisizione della ditta sarebbe stata direttamente seguita da Lentini il quale, consapevole del fatto che si trattava di un’operazione illecita, avrebbe suggerito ad Albergo il ricorso al prestanome attivandosi per trovarlo.

Il Gip, su richiesta della Procura aretusea, ha disposto per Lentini il divieto temporaneo per un anno dell’esercizio della professione di dottore commercialista, il divieto temporaneo di esercitare imprese per un anno nei confronti di Balistreri ed il sequestro della rivendita di generi alimentari.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684