Categories: Cronaca

Mafia, ucciso nel Catanese per una questione di donne

Carabinieri del comando provinciale di Catania, su delega della locale Procura Distrettuale, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere che ipotizza il concorso in omicidio, con l’aggravante di aver agito con premeditazione e crudeltà.

Il provvedimento è stato emesso dal Gip del Tribunale di Catania nei confronti di due persone coinvolte nell’omicidio di Dario Chiappone, ucciso a a Riposto nell’ottobre del 2016.

I due arrestati sono Benedetto La Motta, noto come Benito o Baffo, di 62 anni, indicato come il referente a Riposto della famiglia mafiosa Santapaola-Ercolano, e il suo coetaneo Paolo Censabella.

Il movente, è emerso dalla indagini, è legato a motivazioni sentimentali ed economiche riconducibili al suo rapporto di frequentazione con una donna, che era l’ex convivente con uno degli indagati destinatario del provvedimento cautelare.

Dario Chiappone fu ucciso con sedici coltellate alla gola e al torace.

Per il delitto, in primo grado, la Corte d’assise di Catania, presieduta da Sebastiano Mignemi, il venti marzo scorso aveva condannato all’ergastolo Agatino Tuccio e a 23 anni di reclusione Salvatore Di Mauro, quest’ultimo da tempo irreperibile.

La nuova inchiesta ha preso ulteriore spunto dall’arresto di Antonino Marano, 75enne di Riposto, noto come il killer delle carceri, avvenuto il 20 dicembre 2019 per lo stesso assassinio dopo che le sue impronte sono state trovate dal Ris di Messina sul luogo del delitto.

Dalle indagini dei Carabinieri sono emersi “assidui rapporti di frequentazione tra Marano e Tuccio, e tra quest’ultimo con La Motta”.

Secondo la Procura distrettuale di Catania sarebbe stato il boss a “ordinare, per volontà di Censabella, a Tuccio, Di Mauro e Marano di eseguire l’omicidio di Chiappone”.

Nell’inquadrare il movente la Procura ricorda che “Censabella, titolare di una rivendita di liquori, vini e bevande, era il convivente della donna, già socia dell’attività, con la quale Chiappone aveva una relazione sentimentale; motivo per il quale avrebbe maturato l’idea di eliminare la giovane e scomoda vittima”.

Con la notifica del provvedimento restrittivo di oggi la Procura distrettuale di Catania e i carabinieri del comando provinciale del capoluogo etneo ritengono sia stato “chiuso definitivamente il cerchio sui mandanti ed esecutori dell’efferato omicidio di Dario Chiappone”

redazione web

Recent Posts

  • Italpress

28 anni fa la strage di Via D’Amelio. Mattarella: “Sdegno e angoscia”

ROMA (ITALPRESS) - Ricorre oggi il ventottesimo anniversario della strage di via D'Amelio. Una assopita Palermo, arroventata dalla calura estiva…

2 ore ago
  • Italpress

Ancora niente accordo sul Recovery Fund, Consiglio Ue prosegue 19 luglio

BRUXELLES (BELGIO) (ITALPRESS) - Non sono stati sufficienti due giorni al Consiglio Europeo straordinario per trovare la quadra su Recovery…

12 ore ago
  • Italpress

Il Cagliari in dieci recupera il Sassuolo, finisce 1-1

CAGLIARI (ITALPRESS) - Alla Sardegna Arena un Cagliari senza particolari obiettivi di classifica impone l'1-1 al Sassuolo nonostante l'inferiorità numerica…

14 ore ago
  • Italpress

Pessina risponde a Zapata, Verona-Atalanta finisce 1-1

VERONA (ITALPRESS) - L'Atalanta sbatte contro l'Hellas Verona ottenendo il secondo pareggio post-lockdown dopo quello contro la Juventus. Gli uomini…

17 ore ago
  • Italpress

Ue, Conte “Fase di stallo, negoziato più complicato del previsto”

BRUXELLES (BELGIO) - "Siamo in una fase di stallo, il negoziato si sta rivelando molto complicato, più complicato del previsto.…

17 ore ago
  • Fatti

Bomba d’acqua nel Catanese, sub pompieri in azione

Ha colpito la zona tra Ramacca e Scordia, dove l'acqua ha travolto un'auto rendendo indispensabile l'intervento dei sommozzatori. Inoltre una…

18 ore ago