Mafia, vent'anni a Domenico Assinnata, boss dell'inchino dei cerei - QdS

Mafia, vent’anni a Domenico Assinnata, boss dell’inchino dei cerei

redazione web

Mafia, vent’anni a Domenico Assinnata, boss dell’inchino dei cerei

sabato 30 Novembre 2019 - 15:34

Il Gup di Catania, Stefano Montoneri, ha condannato a vent’anni reclusione per associazione mafiosa ed estorsioni Domenico Assinnata, boss pentito che poi ha ritrattato la sua decisione di collaborare.

Figlio del capomafia Salvatore, ai vertici dell’omonimo clan mafioso di Paternò legato alla famiglia Santapaola-Ercolano. Quattro anni fa durante i festeggiamenti patronali del due dicembre 2015 davanti all’abitazione di suo padre ci fu un “inchino” dei portatori di cerei, che però il capomafia non avrebbe gradito perché – come afferma in un’intecettazione – preferisce “non attirare l’attenzione”.

Con cui lui, come riportano alcuni media locali, sono stati condannati altre sette imputati che hanno fatto accesso al processo con il rito abbreviato a conclusione dell’inchiesta “Assalto” della Dda di Catania su indagini dei carabinieri della compagnia di Paternò.
Il Gup, accogliendo le richieste dei Pm Andrea Bonomo e Valentina Sincero, ha condannato a vent’anni anche il suocero del giovane boss, Erminio Laudani, e a dieci anni e sette mesi Marco Impellizzeri, dodici anni e due mesi Gaetano Laudani, e a dieci anni ciascuno Marco Giuseppe Sciacca, Ivan Gianfranco Scuderi, Christian Terranova e Samuele Cannavò.

Il Gup ha assolto Rocco Anello “per non aver commesso il fatto”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684