Maltempo: dall'Ue 277 milioni dopo i danni dell'autunno scorso - QdS

Maltempo: dall’Ue 277 milioni dopo i danni dell’autunno scorso

redazione

Maltempo: dall’Ue 277 milioni dopo i danni dell’autunno scorso

mercoledì 15 Maggio 2019 - 18:23
Maltempo: dall’Ue 277 milioni dopo i danni dell’autunno scorso

La proposta della Commissione dovrà adesso essere approvata dal Parlamento europeo e dagli Stati membri. Tra le quindici regioni interessate c'è anche la Sicilia. A spartire i fondi sarà il governo italiano

La Commissione europea ha proposto di stanziare 277,2 milioni di euro del Fondo Ue di solidarietà per sostenere l’Italia e aiutarla a riparare i danni causati dal maltempo che ha devastato la Penisola nell’autunno scorso.

La proposta riguarda i danni subiti da quindici regioni, dal nord al sud Italia, e dovrà ora essere approvata dal Parlamento europeo e dagli Stati membri.

Le regioni italiane che potranno beneficiare delle risorse stanziate dall’Ue sono, oltre alla Sicilia, Friuli Venezia Giulia, le Province autonome di Trento e Bolzano, Liguria, Lombardia, Toscana, Emilia-Romagna, Lazio, Campania, Calabria, Sardegna e il Veneto, la regione più colpita. In maniera minore, riceveranno un supporto anche la Valle d’Aosta e l’Abruzzo.

La divisione delle risorse fra le varie amministrazioni regionali non è però un compito dell’Unione europea ma del governo italiano.
L’Italia aveva presentato a Bruxelles un conto dei danni causati dal maltempo nell’autunno 2018 pari a 6,2 miliardi di euro.
L’ammontare dell’aiuto europeo viene calcolato secondo parametri precisi che tengono conto anche del Pil regionale e nazionale, e può quindi variare fra il 2,5% e il 6% della stima dei danni.
“Siamo a pochi giorni dalle elezioni europee – ha sottolineato la commissaria Ue alla Politica regionale, Corina Cretu – e il Parlamento non sta lavorando, credo che settembre sia la scadenza più ragionevole” per ottenere il via libera dell’assemblea allo stanziamento, “poi spero che il Consiglio lavori velocemente” per l’ok definitivo.

“Il calcolo dei danni – ha chiarito la commissaria – è prima di tutto una responsabilità dello Stato colpito e l’Italia ci ha presentato un rapporto molto dettagliato di quasi cinquecento pagine. So che ci sono state speculazioni sul fatto che i danni siano stati sovrastimati, ma secondo i nostri esperti la stima è affidabile. Tuttavia, se le valutazioni ex post dovessero evidenziare discrepanze significative, possiamo correggere l’importo del supporto Ue”.

Dal momento della sua creazione nel 2002, l’Italia è il Paese che ha beneficiato maggiormente del supporto del Fondo di solidarietà Ue, con 2,51 miliardi ricevuti a seguito di nove catastrofi naturali.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684