Carenza di patate a causa del Covid, da Mc Donald's solo porzioni piccole - QdS

Carenza di patate a causa del Covid, da Mc Donald’s solo porzioni piccole

web-iz

Carenza di patate a causa del Covid, da Mc Donald’s solo porzioni piccole

web-iz |
mercoledì 22 Dicembre 2021 - 11:45

In Giappone le patatine fritte provengono dal porto canadese di Vancouver.

Solo porzioni piccole, per le patatine fritte vendute nei tremila McDonald’s in Giappone. Lo ha deciso la più grande azienda di fast food del mondo per far fronte alla carenza di patate dovuta alla pandemia da coronavirus da una parte e alle inondazioni in Canada dall’altra. “McDonald’s Japan limiterà temporaneamente le vendite di patatine fritte di medie e grandi dimensioni come misura atta a garantire che i clienti possano continuare a gustare le patatine fritte di McDonald’s”, ha detto la società alla Bbc.

“I clienti potranno ancora ordinare patatine fritte di piccole dimensioni in tutti i nostri ristoranti. Ad oggi, non ci sono state interruzioni nella fornitura”, ha aggiunto. In una nota si legge che “a causa delle inondazioni su larga scala vicino al porto di Vancouver e della crisi della catena di approvvigionamento globale causata dalla pandemia di coronavirus, ci sono ritardi nella fornitura di patate”.

Il problema riguarda solo il Giappone

Quelle usate da McDonald’s in Giappone sono infatti patate provenienti dal porto canadese di VancouverIl razionamento delle patatine fritte resterà in vigore fino a fine anno. Il Giappone è il più grande mercato asiatico per i prodotti a base di patate surgelate statunitensi. McDonald’s ha subito un problema simile nel dicembre del 2014 a causa di una vertenza sindacale che ha coinvolto 20mila lavoratori portuali, operatori terminalistici e compagnie di navigazione in 29 porti della costa occidentale degli Stati Uniti che ha causato una carenza di patatine fritte. In quell’occasione l’azienda ha deciso di importare via aerea mille tonnellate di patatine surgelate.

Tag:

Articoli correlati

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684