Mercenario messinese filorusso arrestato dai Ros - QdS

Mercenario messinese filorusso arrestato dai Ros

redazione web

Mercenario messinese filorusso arrestato dai Ros

giovedì 06 Maggio 2021 - 08:30

L'uomo, di 28 anni, combatteva nel conflitto in Ucraina ed era stato reclutato in Italia. Apparteneva a un gruppo criminale impegnato in più stati. I Carabinieri ora indagano sui finanziatori

Un uomo, G.R., di 28 anni, di Messina, è stato arrestato dai Carabinieri del Ros: combatteva come mercenario per le milizie filorusse nel conflitto in Ucraina.

L’arresto è avvenuto all’estero, dove il giovane si sarebbe trasferito dal 2016 per svolgere l’attività di “combattente illegittimo”. Aveva armamenti e uniformi tutte appartenenti all’esercito russo.

Era stato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Messina per violazione della Convenzione internazionale di New York del 4 dicembre 1989 sul contrasto al fenomeno dei mercenari.

G. R., a quanto si è appreso, era stato reclutato in Italia e combatteva dal 2014 nel Donbass ed era inserito nell’organigramma di un gruppo criminale impegnato in più Stati.

L’uomo condivideva sui social le proprie attività militari con congiunti e amici, alcuni dei quali gli chiedevano consigli e indicazioni su come intraprendere la medesima attività.

Il Ros sta ora indagando sulla struttura organizzata attiva nell’area tra l’Italia e l’Ucraina.

Questa organizzazione, a quanto è emerso, recluta e finanzia mercenari destinati ad integrare le fila delle milizie separatiste filorusse nella regione del Donbass.

Particolarmente allarmanti sono risultati i rapporti dell’indagato messinese con altri mercenari e, in particolare, con Andrea Palmieri, livornese, detto “il generalissimo”, già destinatario di un mandato di arresto europeo in quanto ritenuto responsabile di arruolamento/reclutamento di mercenari a scopo terroristico/eversivo ed associazione per delinquere.

Sarebbe proprio Palmieri – ricercato in Ucraina – la figura mediatrice della struttura criminale che recluta gli italiani anche sui social. E il principale “reparto” è definito – traslitterato dal cirillico – “Rota”.

Le indagini dei Carabinieri del Ros si stanno concentrando ora sui finanziatori dell’organizzazione.

Sono infatti in corso perquisizioni per definire il ruolo di eventuali facilitatori che avrebbero agevolato e sostenuto, anche finanziariamente, le attività dei mercenari nel Donbass.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684