Micciché, "Nuove povertà vera emergenza. Temo tensioni sociali" - QdS

Micciché, “Nuove povertà vera emergenza. Temo tensioni sociali”

Web-al

Micciché, “Nuove povertà vera emergenza. Temo tensioni sociali”

Web-al |
martedì 13 Luglio 2021 - 11:42

Il presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana durante la cerimonia del ventaglio ha parlato anche delle leggi votate: "Solo il 6,4% degli articoli votati è stato impugnato"

Diminuisce il tasso di impugnazione delle leggi votate dall’Assemblea regionale siciliana. Lo ha annunciato il presidente dell’Ars, Gianfranco Micciché durante la cerimonia del ventaglio. Le leggi votate dal parlamento siciliano sono state quest’anno 28 di cui 19 di iniziativa governativa e 9 di iniziativa parlamentare. Solo il 6,4 per cento degli articoli votati è stato impugnato mentre l’anno scorso il tasso di impugnazione era stato delll’8,3. “E’ necessario – ha detto Micciché – che arrivino in aula disegni e proposte di legge che abbiano superato il controllo sulla loro correttezza tecnica e giuridica. In aula si dovrebbero discutere solo problemi di natura politica”.

C’è un’emergenza che sta crescendo nel periodo pandemico. “Sono le nuove povertà“, ha aggiunto Micciché. “C’è da essere preoccupati e temo che in autunno avremo forti tensioni sociali”. Il dato emerge dal confronto con le maggiori associazioni di volontariato che hanno decuplicato gli interventi di sostegno per persone che si trovano in difficoltà.

“A volte cambia la condizione di persone che vengono a cercare aiuto mentre fino a ieri erano proprio loro a darlo”. In queste condizioni, secondo Micciché, vanno date risposte positive e non si può sempre dire di no. E’ un problema che proprio la burocrazia vada “alla ricerca del pelo nell’uovo” per fermare alcune iniziative. Micciché ha citato il caso di una società che non riesce a ottenere la concessione per un progetto che prevedeva 200 nuovi posti di lavoro.

Tag:

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684

x