Migranti a bordo Sea Watch, "Non dimenticatevi di noi" - QdS

Migranti a bordo Sea Watch, “Non dimenticatevi di noi”

redazione

Migranti a bordo Sea Watch, “Non dimenticatevi di noi”

giovedì 20 Giugno 2019 - 18:00
Migranti a bordo Sea Watch, “Non dimenticatevi di noi”

L'appello nella Giornata internazionale del Rifugiato. "Il confine italiano è diventato la linea tra umanità e disumanità". Riportare in Libia i migranti sarebbe un "respingimento collettivo"

Delle lettere su fogli A4 a comporre la scritta “don’t forget about us”, non dimenticatevi di noi, sorrette dai 43 migranti che da otto giorni sono a bordo della Sea Watch 3 ferma al largo di Lampedusa, in acque internazionali.

E’ la foto postata su Twitter da Sea Watch in occasione della giornata mondiale del rifugiato.

“Il divieto che ci impedisce di entrare nelle acque italiane – dice la portavoce della Ong tedesca Giorgia Linardi – è anche un divieto che impedisce al comandante di esercitare un suo diritto sacrosanto, quello di sbarcare prima possibile le persone in un porto sicuro, considerato lo stato di emergenza umanitaria a bordo”.

Un’ “ingiustizia”, sottolinea ancora la Linardi secondo la quale, tra l’altro, la situazione a bordo sta peggiorando di giorno in giorno.

“Il comandante sta resistendo – ha spiegato – maa è sempre più forte la sua insofferenza, dell’equipaggio e delle persone a bordo. la permanenza è sempre più debilitante”.

La portavoce della Ong ha definito la richiesta del governo italiano di riportare in Libia i migranti “un’indicazione cinica, disumana e illegale”.

“Riportare queste persone in Libia sarebbe un reato, sarebbe un respingimento collettivo”.

La Sea Watch è dunque “intrappolata” tra la responsabilità del comandante di portare al sicuro i migranti e il rischio che, varcato il limite delle acque territoriali italiane, la Ong venga “criminalizzata”.

“Il confine italiano, quella linea immaginaria – dice Linardi – è diventato una linea tra l’umanità e la disumanità”.

Potrebbe interessarti anche:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684