Migranti, esposto Fi e Lega in Procura contro ministro Lamorgese - QdS

Migranti, esposto Fi e Lega in Procura contro ministro Lamorgese

redazione

Migranti, esposto Fi e Lega in Procura contro ministro Lamorgese

giovedì 30 Luglio 2020 - 16:29
Migranti, esposto Fi e Lega in Procura contro ministro Lamorgese

“Siamo arrivati ad un punto di non ritorno. Quotidianamente migliaia di migranti arrivano a Lampedusa, nell’isola dei conigli, senza che nessuno delle forze del’ordine li blocchi prima dell’attracco”. Lo si legge nell’esposto-denuncia contro il ministro Lamorgese, presentato alla Procura della Repubblica di Agrigento dal segretario di Forza Italia Lampedusa, Rosario Costanzo e da Angela Maraventano, commissario della Lega “Salvini premier”.

La denuncia è estesa anche contro le organizzazioni umanitarie che operano in relazione al fenomeno migratorio e contro gli scafisti che organizzano gli sbarchi.

I due esponenti politici si dicono “sorpresi” che “ancora oggi in piena emergenza Covid-19 si permetta che migliaia di migranti giungano sulla terraferma e vengano a contatto con cittadini e turisti senza che siano state prima accertate le loro condizioni sanitarie ed escludere possibilità di contagio tanto più che ancora oggi mancano i dispositivi necessari e obbligatori per contrastare la diffusione del contagio Covid”.

“Ci stanno uccidendo – dicono Costanzo e Maraventano – e stanno massacrando anni di duro lavoro che i lampedusani hanno fatto per fare dell’isola un punto attrattivo per il turismo senza che lo Stato sia riuscito mai a garantire quei servizi essenziali. Adesso basta – aggiungono – è arrivato il momento che ognuno si prenda la propria responsabilità e venga fatta luce su una questione che interessa non solo Lampedusa ma anche il resto dell’Italia e dell’Europa. Non è più sopportabile – concludono – questa onda anomala di giovani tunisini che non sono profughi che ci hanno letteralmente invaso. Lampedusa non può più essere una valvola di sfogo che serve solo a chi dell’accoglienza ne fa un business”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684