Migranti, governo, Ocean Viking e sbarchi fantasma - QdS

Migranti, governo, Ocean Viking e sbarchi fantasma

redazione

Migranti, governo, Ocean Viking e sbarchi fantasma

lunedì 09 Settembre 2019 - 08:42
Migranti, governo, Ocean Viking e sbarchi fantasma

La nave di Sos Mediterranee e Msf ne ha soccorsi cinquanta, altrettanti sono giunti autonomamente a Lampedusa e non si sa se identificati. Primo primo test per il nuovo governo e per la ministro dell'Interno Luciana Lamorgese

C’è attesa per conoscere le sorti della Ocean Viking, nave di Sos Mediterranee e Msf, che ieri pomeriggio al largo della costa libica ha salvato dal naufragio cinquanta persone che erano su un gommone in avaria.

Tra loro ci sono anche dodici minorenni e una donna incinta.

Come spiegato da Sos Meditarrenee ieri sera “ci sono volute tre ore per completare le operazioni”.

Si tratta del primo soccorso di una nave ong con il nuovo governo in carica.

Occhi puntati, dunque, sul nuovo titolare del Viminale, Luciana Lamorgese, ex prefetto di Milano, per comprendere quale sarà la linea del governo che oggi si presenta in Parlamento per la Fiducia.

Fino a ora l’ormai ex ministro dell’Interno, il capo della Lega Nord Matteo Salvini – spesso da solo, perché in un’occasione i titolari dei dicasteri della Difesa e dei Trasporti non lo avevano seguito -, dopo aver voluto l’approvazione del cosiddetto Decreto sicurezza bis, aveva sempre firmato divieti d’ingresso delle imbarcazioni.

Salvini aveva concentrato l’attenzione sulle navi delle Ong senza però parlare degli sbarchi fantasma che, dall’inizio dell’anno, hanno portato sulle nostre coste un incredibile numero di migranti che, non identificati, sono penetrati sul nostro territorio.

Secondo l’associazione MareAmico di Agrigento, dall’inizio dell’anno a oggi i migranti giunti sulle coste italiane non sarebbero i circa cinquemila dichiarati finora dal Viminale, ma almeno il doppio.

E infatti anche stamattina con uno sbarco fantasma, una cinquantina di persone è giunta a Lampedusa con il consueto sistema della nave madre e del barchino messo a punto dai trafficanti di uomini.

I migranti sono arrivati a Punta Sottile e non si sa se siano stati identificati o meno.

Intanto resta in stallo la situazione dell’Alan Kurdi, la nave della ong tedesca Sea Eye che da giorni attende di potere sbarcare un gruppo di migranti soccorsi il 31 agosto scorso.

A bordo restano in otto.

La maggior parte minorenni, uno dei quali ha provato a tuffarsi in mare nel disperato tentativo di raggiungere la riva.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684